QUANDO I BRUTTI PENSIERI CI ASSILLANO

di  Enzo e Ducky

Enzo:               I  pensieri…Duc, i pensieri…

Ducky:      Che hai prof?  Io non riesco a prendere sonno  da un po’ di tempo. Ma tu stanotte sbuffavi…soffiavi.

Enzo :       Con una folla di persone assalivamo una banca… io picchiavo con un randello il direttore.  Improvvisamente è arrivata la polizia; mi hanno ammanettato e spinto sul cellulare; un poliziotto mi ripeteva  “ti farai 30 anni di galera”…poi mi sono svegliato e ho sentito una specie di crampo alla gamba destra.

Ducky:      Era il  calcetto che ti ho data.

Enzo:       La sensazione di paura…che pensieri! Non farlo più però.

Ducky:      Eh…timori…pensieri, te ne potevi fregare!

Enzo:       I pensieri quando vengono vengono. Sono come chiodi ficcati in testa. Ti vengono i pensieri di ogni specie, specialmente quelli brutti.  Ne vogliamo disquisire, Duc?

Ducky:      Caspita, hai scelto proprio un bell’argomento. Comunque, ok. Lo faccio perché  sono il tuo Alter-Ego.

Enzo:       “Non sono come dovrei essere”,  “Gli altri sono meglio di me”, “Faccio solo errori”,  quante volte immaginiamo e la mente sembra bloccata su pensieri negativi.

Ducky:      Diciamo spesso così.

Enzo:       Ciò però non ci aiuta a migliorare, anzi.

Ducky:      Gli psicologi cosa dicono?

Enzo:       Ci mettono in guardia: dicono che questi pensieri, che loro chiamano “disfunzionali”, sono velenosi per la nostra mente. A volte diciamo “tanto non c’è soluzione” , “ è’ inutile andare avanti”. Queste frasi sono pericolose e autolesionistiche.

Ducky:      E allora?

Enzo:       Non bisogna dirle, perché generiamo pensieri rigidi, alcuni dei quali sono pericolosamente “tossici” per la nostra stabilità mentale. Secondo la dott.ssa Sabrina Cattaneo, psicoterapeuta comportamentale ecco i 10  pensieri TOSSICI:

01- Paragoni continui

    “Il mio vicino di casa ha un auto lussuosa e fa vacanze da sogno mentre io no”.  Paragonarci agli altri, sentendoci inferiori, invidiosi o perdenti, fa male e non serve a nulla. Con il tempo questi paragoni possono influenzare portandoci alla depressione.

02- Catastrofizzare

        Consiste nel pensare che un evento avrà conseguenze ben più gravi di quelli reali.  Vostro figlio  incespica e si sbuccia un ginocchio e voi vi  angosciate: Oh Dio,  esce del sangue, ci puo’ essere l’infezione…si può anche morire. Esagerare eventi negativi porta tristezza, ansia e disperazione.

03- Personalizzare

     E’ la tendenza a pensare che da noi dipende ogni insuccesso. O che siamo sempre al centro dell’attenzione. Esempio: Stamattina Stefano non mi ha salutato. Sicuramente ce l’ha con me.  Significa che tendiamo a prenderci la responsabilità di tutto, stando male inutilmente prendendoci il senso di colpa.

04-Tendenza a giudicarci troppo rigidamente

Significa che recriminiamo su troppi errori o mancanze. A volte poi ci poniamo regole troppo ferree, ad esempio: “Devo comportarmi bene ed essere sempre approvato dagli altri altrimenti sono un incapace”.

05- Generalizzare

    Avviene quando  arriviamo a conclusioni generali in modo arbitrario.  Ce l’hanno tutti con me; le donne sono tutte uguali. Evitiamo di generalizzare^.

 

06- Denigriamo sempre

     Parliamo male  avendo scarsa autostima di noi stessi o di altre persone dicendo “I miei collaboratori sono tutti incompetenti.” Per alcuni  (Alfred-Eldy)  è impossibile vivere senza criticare gli altri: questo pero’ è un segno di malessere visto che la critica implica insoddisfazione.

Annamaria: Alfred??  Alfred ,per me, ha un comportamento passivo-aggressivo come conseguenza di bisogni frustrati. Alle spalle avrà un vissuto di frustrazione dei propri bisogni emotivi. In eldy ha trovato una valvola di sfogo per tutta la sua rabbia repressa. 

07- Non considerare i nostri pregi

     E’ un errore  non vedere i nostri pregi o sminuirli.  E’ sbagliato dire: “Sì, abbiamo vinto ma gli avversari erano delle schiappe.

08 – Ragionamento emotivo

        Crediamo che qualcosa sia vero solo perché “sentiamo una emozione”, ignorando le evidenze cioè il fatto positivo.

09 – Pensiamo in negativo su un avvenimento certo

     Alla conferenza mi impappinerò e non riuscirò a parlare. Ad un incontro di tennis mi lamento dicendo: “Sicuramente perderò l’incontro, assumendo un atteggiamento insicuro in partenza. Certamente però gli intelligenti hanno più strumenti psichici e questo è un punto a loro favore: ricordate questo suggerimento:  quando si comprende meglio il problema, la soluzione è più facile.

 

Ducky: Madonna santa, Prof Enzo, ma non bisogna estremizzare; se uno ha tutti questi pensieri “TOSSICI” deve fissare un appuntamento con uno psicologo…ha bisogno di cure…ti sembra?

Enzo:       Sembra anche a me. Forse in qualche social di tua conoscenza è presente qualche “tipo” o “tipa” bisognoso di qualche terapia. L’interrogarsi, il voler capire, l’approfondire possono portare a non chiudere mai il ragionamento. Secondo lo psicologo americano Daniel Coleman, che suggerisce di concentrarci sulle emozioni, evitando la rigidità dei pensieri analitici e razionali che ci impediscono di guardare ai problemi da punti di vista alternativi.

Quando infatti pensiamo in modo troppo razionale apriamo la strada alle ossessioni.

Ducky: Siamo ricchi di problemi che ci intossicano l’esistenza. Ma non  tutti riescono a fronteggiarli.  Quando qualcuno già attanagliato da problemi sociali viene trafitto da un lutto di una persona di ineffabile valore e sentimento umano è costretto ad un lungo tempo di penosità di lacrime. E la parola consolatrice sembra perdere consistenza. Purtroppo con la angoscia nel cuore bisogna “CONTINUARE A VIVERE” e a Te carissima Annamaria dico “porta sempre con te le gioie, le tristezze, le lacrime, le carezze e i più teneri e dolci ricordi di Tua Madre che ora ti vuol bene da Lassù.

Come io porto i miei di Mia Madre.

Font: Airone

Annamaria: grazie di cuore Enzo, amico sensibile. Ci vuole forza e tempo per elaborare la perdita di una mamma. Sto cercando giorno dopo giorno di continuare a vivere. Sono certa che lei da lassù mi manda dei segnali del suo grande amore. Anche se sono adulta mi sento come una bambina abbandonata. Mi sento “persa”. Ho perso parte della mia storia ,di me stessa e delle mie radici. Nonostante abbia la mia famiglia. Mi manca la confidente,l’amica,la consigliera …tutto. Aggiungo al tuo articolo, caro Enzo, anche un video del Dott. Morelli dove ci spiega che i cattivi pensieri oltre ad assillarci, non ci fanno dimagrire.

 

Annamaria… a dopo

NOMADELFIA, DOVE “LA FRATERNITA’ E’ LEGGE”

 

Nomadelfia, una piccola comunità che mi ricorda molto gli Amish che attualmente vivono in America.

https://it.wikipedia.org/wiki/Amish
Nomadelfia, Invece, è un piccolo paradiso, un’oasi di pace, in Toscana, a pochi chilometri da Grosseto, dove non esiste criminalità, invidia, potere,proprietà privata, crisi ma fratellanza e umanità.
Nomadelfia il cui significato in greco è” Legge e Fraternità” propone uno stile di vita diverso dal nostro e ci si aiuta l’uno con l’altro. Si lavora senza essere pagati e tutto si regge a uno spirito di collaborazione con il sentimento della solidarietà. Le varie famiglie possono stringere un rapporto di mutuo soccorso. Fatta eccezione per le stanze dove passare la notte tutti gli ambienti sono in condivisione.

Questa comunità è nata nel 1948 e fortemente portata avanti da don Zeno Saltini che si impegnò, negli anni della seconda guerra mondiale, a dare una casa ai numerosi bambini che gli orrori della guerra rendeva orfani. Non un orfanotrofio classico, ma una sorta di famiglia allargata resa possibile anche grazie all’aiuto delle “mamme di vocazione”, donne che decisero di crescere quei bambini sfortunati e dar loro finalmente un po’ di serenità. Da allora quel senso di solidarietà è cresciuto mantenendo in vita una comunità che rappresenta un modello di virtù per molti credenti.

Nomadelfia..un po’ di storia

Nomadelfia fu fondata da don Zeno Saltini il quale propose un modello di organizzazione sociale alternativo alla società attuale perché, secondo lui: “La società dopo aver alienato l’uomo, lo sta ora conducendo al disastro”.

Da bambino Zeno Saltini fu un ribelle, prima rifiutò la scuola, quella scuola che gli appariva come una specie di riserva dei ricchi. Scelse come scuola la vita; scelse di stare con la gente.

Successivamente, durante la seconda guerra mondiale, Don Zeno, prese più volte posizione contro il fascismo, la guerra e le leggi razziali e diversi giovani Piccoli Apostoli entrarono nelle formazioni partigiane.

Il 14 febbraio 1948 fu approvato il testo di una Costituzione. Nasce così Nomadelfia,

Nel 1950 Don Zeno propone al popolo un movimento politico chiamato “Movimento della Fraternità Umana”, per abolire ogni forma di sfruttamento e per promuovere una democrazia diretta. Ma l’ostilità delle forze politiche al governo e di alcuni ambienti ecclesiastici bloccò l’iniziativa. In quel periodo i nomadelfi erano circa 1150, dei quali 800 “figli accolti” (molti dei quali bisognosi di cure particolari) e 150 ospiti senza casa e senza lavoro. La situazione economica diventava sempre più pesante. Sfruttando questo pretesto si tentò di sciogliere Nomadelfia; così il 5 febbraio 1952 il Sant’ Ufficio ordina a don Zeno di lasciare Nomadelfia e Don Zeno ubbidisce. Costretti ad abbandonare Fossoli, i nomadelfi si rifugiarono a Grosseto, su una tenuta di diverse centinaia di ettari da bonificare.

Pur lontano dai figli, don Zeno cercò di provvedere alle loro necessità, e sempre più spesso dovette difenderne in tribunale alcuni che, strappati alle famiglie di Nomadelfia, ricaddero nella malavita. A questo punto chiese al Papa di poter rinunciare temporaneamente all’esercizio del sacerdozio per tornare alla guida dei suoi figli. Così depose la veste e tornò fra i suoi figli.

Le regole di Nomadelfia, oggi:

TUTTI I BENI SONO IN COMUNE. Le risorse economiche provengono dal lavoro, dai contributi assistenziali per i figli accolti, e dalla Provvidenza, specialmente attraverso le attività di apostolato: stampa, Serate, incontri.

I nomadelfi sono tenuti ad obbedire alle disposizioni degli organi competenti e devono essere disponibili a qualsiasi iniziativa, lavoro, spostamento.

LA RELIGIOSITA’. Nomadelfia è fondata sulla fede cattolica. La Chiesa l’ha riconosciuta una popolazione e l’ha eretta a parrocchia nel 1962. Nel 1994 ha approvato la nuova Costituzione, come “Associazione privata tra fedeli” (C.I.C. 298 e ss).

Per quanto riguarda culto, dottrina e costume, Nomadelfia si rimette alla dottrina, al culto e al costume della Chiesa.

LA COSTITUZIONE. Per lo Stato italiano Nomadelfia è un’associazione civile, organizzata sotto forma di cooperativa di lavoro. Internamente vige una Costituzione che nei valori si ispira al Vangelo e nell’organizzazione si richiama agli Stati di diritto.

E’ una democrazia diretta: tutti i nomadelfi effettivi (coloro che hanno firmato la Costituzione) fanno parte dell’Assemblea, che esercita il potere legislativo ed elegge le cariche costituzionali.

Leggi, decisioni, votazioni per le cariche costituzionali vengono approvate a maggioranza, e devono essere confermate con voto di unanimità.

La Presidenza esercita il potere esecutivo e organizza la vita quotidiana.

Il Consiglio Amministrativo cura l’amministrazione.

Il Consiglio degli Anziani elegge e controlla l’Economato, e arbitra in caso di mancata unanimità dell’Assemblea.

Il Collegio dei Giudici interviene nei casi di contrasto, e vigila sulla costituzionalità degli atti di tutti gli organismi.

Il Successore del Fondatore è un sacerdote. Garantisce che la vita si svolga in armonia con lo spirito del fondatore, del Vangelo e della Costituzione.

Dalla COSTITUZIONE della POPOLAZIONE dei NOMADELFI

Art. 2 – CONDIZIONI PER ESSERE NOMADELFI

Possono essere Nomadelfi coloro che:

– hanno compiuto 21 anni

– sono cattolici professanti apertamente la Fede e la Morale secondo gli insegnamenti e la disciplina della Chiesa Cattolica

– rinunciano a possedere beni a qualsiasi titolo e di qualsiasi natura

– accettano di essere poveri nel senso di avere solo il necessario ad una vita dignitosa.

Art. 4 – SOBRIETA’

I Nomadelfi, come singoli e come Popolazione, devono vivere sobriamente, secondo le vere esigenze umane, nello spirito dei consigli evangelici ed in particolare del “Discorso della Montagna”, che per i Nomadelfi non è un semplice consiglio, ma è legge.

Art. 47 – NON SONO AMMESSE LITI

La Popolazione dei Nomadelfi non permette che si facciano liti tra i suoi membri.

Se ragioni di contrasto nascono tra due o più Nomadelfi o Postulanti, questi devono ricorrere alla correzione fraterna come richiede il Vangelo.

Se il contrasto persiste, devono rivolgersi al Collegio dei Giudici che aprirà un procedimento secondo i Regolamenti.

Informazioni prese dal web e da alcuni libri ma… non escludo che in seguito possa immergermi in questo luogo e disintossicarmi per un certo periodo dalla nostra (in)civiltà.

Annamaria… a dopo

E’TIENNE BONNOT DE CONDILLAC secondo  LUCIANO DE CRESCENZO

E’TIENNE BONNOT DE CONDILLAC

secondo  LUCIANO DE CRESCENZO

I vecchi che posseggono il senso dell’umorismo hanno diritto al trenta percento di sconto sull’età. Luciano de Crescenzo

Un pizzico di vita, opere e l’arte del… copiare

Mi ha sempre appassionato la filosofia con le discipline psicologiche. Sono fatto così ; e le dissertazioni serie e anche scherzose o semiserie mi stuzzicano,mi fanno un certo effetto specialmente se attingo ai pensieri  nientepopodimeno di due eminenti filosofi: E’tienne Bonnot de Condillac e Luciano De Crescenzo.

La parola al secondo sul primo.

Nel  raccontare i filosofi dell’epoca moderna, immaginateli su una panchina , in un pomeriggio di primavera, su una panchina dei giardini pubblici. Ripeto, nel raccontare i filosofi moderni, ho notato che molti erano preti., che la maggior parte erano baroni, che avevano alle spalle  una nobildonna che li proteggeva e che quasi tutti finirono i loro giorni in un castello.

Ebbene, anche Etienne Bonnot de Condillac non fece eccezione alla regola: nacque a Grenoble nel 1714, discendente da un barone, diventò abate, ebbe come protettrice la marchesa Madame de Tencin, e alla fine morì nel 1780 in un castello di sua proprietà.

In quanto a studi, frequentò, come sempre, prima i gesuiti, poi i preti del Saint-Sulpice e infine la Sorbona, la prestigiosa università fondata cinque secoli prima da Robert de Sorbon. A 26 anni si fece prete. Nel medesimo tempo, però, si allontanò dalla teologia per dedicarsi un po’ alla filosofia. Si lesse tutto quello che c’era da leggere su Locke, Newton, Bacone e La Mettrie, e conobbe di persona gli enciclopedisti.

Ha scritto parecchie opere. Iniziò con una Dissertazione sull’esistenza di Dio, per poi proseguire con un  Saggio sull’origine delle conoscenze umane (1746).  Scrisse quindi un  Trattato dei sistemi  (1749) e un Trattato delle sensazioni (1754).

Il suo pensiero? Eccolo.

Fu principalmente un “sensista”, cioè credeva  più ai sensi che alla ragione.  Mi spiego: nel primo saggio comincia dicendo che le idee non nascono dalla sensazione e dalla rifllessione messe insieme (come detto da Locke), ma solo dalla sensazione, poi grazie a un concatenamento di riflessioni successive (tipo la curiosità, il giudizio, l’approfondimento e la passione), le sunnominate sensazioni finiscono con l’arrivare alla conoscenza.

Famoso l’esempio della statua. Gentili lettori vi prego di seguire la curiosità della logica. Condillac dice:  supponiamo di essere una statua priva di sensi e che Dio a un certo punto della nostra vita ci abbia regalato l’olfatto. Dopodiché, sempre Dio, avvicina al nostro naso una rosa. Noi ne avvertiamo il profumo e proviamo un piacere. Un attimo dopo, però, ci fa sentire un odore sgradevole, la puzza di un cadavere ad esempio. Scopriamo così che esistono il piacere e il dolore

La medesima cosa accadrà all’udito, alla vista, al gusto e per ultimo al tatto, il più importante dei cinque sensi. Domanda: perché il più importante? Perché  è l’unico che ci consente un contatto con noi stessi:  quello, cioè, di toccare e di essere toccati.

Piccola parentesi, OB

Tempo fa ti esprimesti sul fatto di copiare, ricordi? Ebbene, chiariamo: una cosa e’ copiare solo o scopiazzare; un’altra cosa è copiare a un fine utile e/o divulgativo.  Chiariti i due concetti, prego di continuare la lettura “che ha un preciso senso”.

Torniamo alla statua!

Sempre per colpa della statua, Condillac fu accusato  di plagio (copiatura di altri scritti) da due letterati, Buffon e Diderot. Dissero che non era stato lui il primo a usare il paragone della rosa e che perfino la statua che acquista i sensi uno alla volta, non era farina del suo sacco.

Peccato!  La filosofia – come si esprime De Crescenzo – dovrebbe essere superiore a queste piccole cose:  non è come lo spettacolo dove ogni battuta viene registrata dalla SIAE e guai a chi la inserisce in un altro copione.  A partire da Socrate, infatti, tutti hanno copiato da tutti e chissà che anche Socrate non abbia copiato da qualcuno

 

Mi è mancato Ducky. Spero di non aver annoiato i lettori per l’assenza.

O.B Faremo un copia e incolla per Ducky . Bravissimo come sempre, Enzo. 

E ancora carissimi auguri per il tuo compleanno!!!

 

Fonte:Storia della filosofia moderna di Luciano De Crescenzo. Mondadori

Enzo (Vincenzo Liberale)

ERA TALMENTE

Dedichiamo questa poesia ,di Enzo, a tutte le coppie innamorate che il 14 febbraio festeggeranno San Valentino.
Pero’, si può approfittare di questa giornata ,senza renderla troppo commerciale, per regalare un pensiero a chi amiamo, coinvolgendo anche i single.
E tra le tante persone un pensiero carino potremmo regalarlo anche a noi stessi: “ama il prossimo tuo come te stesso”. E’ uno dei comandamenti da mettere in pratica.Senza dimenticarci che l’amore c’è , basta guardarsi intorno, ci sta aspettando e quando arriverà ci coglierà di sorpresa, come quando “per caso” trovi un vestito meraviglioso ,senza spendere troppo, con la taglia perfetta e il colore preferito…

Annamaria

Era talmente caldo

che mi sembrava

volesse uscire dal petto

era talmente impazzito

che percuoteva

le pareti del cuore

era talmente fulgido

il tuo sguardo

che  mi mancò la parola

aprii le braccia

per condurti

in un altro mondo

Tu adagio adagio

ti accovacciasti in me

sicché ci perdemmo

nella musica e nei colori

di baci geniali

Vincenzo Liberale

UN BAMBINO EMIGRATO

Tu bambino, che sei La luce della vita, sei scappato da un paese in guerra,

sradicato dagli affetti dai parenti, amici e della tua amata terra.

Tu bambino, che sei la speranza della vita, ti sei trovato in cammino nel deserto,

toccavi la sabbia, guardavi il cielo invocavi acqua, avevi tanta sete e ti sentivi disperso.

Tu bambino, che sei il fiore della vita, sei salito su un gommone, hai attraversato il mare,

guardavi il sole, le onde burrascose e avevi paura, non vedevi l’ora di toccare terra e arrivare.

Tu bambino, che sei la gioia della vita, finalmente su un’isola a te sconosciuta sei arrivato,

una gentile, dolce e umana accoglienza di tanti bravi volontari hai trovato.

Tu bambino, che sei l’amore della vita, in quella drammatica avventura ti sei trovato,

colpa di una società egoista e malata, la mancanza di un’equa distribuzione dei beni disuguaglianze hanno creato.

Tu bambino, che sei la dolcezza della vita, la tua avventura ci ha commossi, speriamo in più umanità,

scuota le coscienze, apra le menti, l’amore trionfi per tutti i bambini sulla terra, ci sia la pace e più solidarietà.

Francesco Lena

C’ERA UNA VOLTA…”L’UCCELLO TURCHINO”

Questa è una storia semplice, eppure non è facile raccontarla, come in una favola c’è dolore, e come una favola, è piena di meraviglia e di felicità.
(Dal film La vita è bella)

 

Il mondo delle fiabe non è solo per bambini.Ci sono fiabe che non hanno età e che non smettono mai di insegnarci qualcosa, raccontando da sempre la vita vera dell’uomo.

Marie-Catherine d’Aulnoy
Traduzione dal francese di Carlo Collodi (1875)
1698

 

C’era una volta un Re, molto ricco di quattrini e di terre: la sua moglie morì, ed egli ne fu inconsolabile. Per otto giorni intieri si chiuse in un piccolo salottino, dove picchiava il capo nel muro, tanto era il dolore che gli straziava l’anima; per paura che finisse coll’ammazzarsi, furono accomodate delle materasse fra il muro e i parati della stanza. Così poteva sbatacchiarsi a suo piacere, e non c’era caso che potesse farsi del male. Tutti i suoi sudditi si messero d’accordo per andare a trovarlo e dirgli quelle ragioni credute più adatte, per iscuoterlo dalla sua tristezza. Alcuni prepararono dei discorsi molto seri: altri uscirono fuori con delle cose piacevoli e anche allegre: ma tutte queste ciarle non fecero su lui né caldo né freddo. Esso non badava neppure a quello che gli dicevano.

Alla fine gli si presentò, fra gli altri, una donna tutta abbrunata e coperta di veli neri, di mantiglie e di strascichi da gran lutto, la quale piangeva e singhiozzava così forte, e con urli così acuti e sfogati, che il Re ne rimase sbalordito. Ella gli disse che non aveva intenzione di fare come gli altri: e che andava non per iscemargli il suo dolore, ma piuttosto per accrescerlo, perché non sapeva che ci potesse essere una cosa più giusta nel mondo di quella di piangere una buona moglie perduta: e che ella, a cui era toccato il migliore di tutti i mariti, faceva conto di piangerlo, finché avesse avuto lacrime e occhi. A questo punto, raddoppiò le sue grida e i suoi pianti, e il Re, sull’esempio di lei, si messe a berciare come un bambino.

Egli la ricevé meglio di tutti gli altri: e le raccontò la storia delle belle doti della sua cara defunta, mentre ella faceva altrettanto dei pregi del suo caro defunto; e discorsero tanto e tanto, che nessuno dei due sapeva più che cosa si dire sul conto della loro grande afflizione. Quando la furba vedovella si accorse che l’argomento era agli sgoccioli, alzò un pochino il velo e il Re poté ricrearsi la vista nel mirare questa bella sconsolata, che sotto due lunghe ciglia nerissime girava e muoveva con moltissim’arte un paio d’occhi, grandi e turchini, come l’azzurro d’un cielo stellato. Il suo carnato era sempre fresco. Il Re cominciò a guardarla con molta attenzione: a un poco per volta, parlò meno della sua moglie, e fini col non parlarne più. La vedova badava a dire di voler piangere sempre il suo marito: e il Re la consigliava a non voler rendere eterno il suo dolore. Per farla corta, tutti cascarono dalle nuvole, nel sentire che il Re l’aveva sposata, e che il nero s’era cambiato in verde e in color di rosa.

Spesso e volentieri basta conoscere il debole delle persone, per impadronirsi del loro cuore e farne quel che ci pare e piace.

Il Re, dal suo primo matrimonio, non aveva avuto che una sola figlia, la quale passava per l’ottava meraviglia del mondo; e si chiamava Fiorina, perché somigliava alla Flora, tanto era fresca, giovine e bella. Ella non portava mai vestiti sfarzosi; preferiva invece la seta leggera, con qualche fermaglio di pietre preziose e molte ghirlande di fiori, che facevano una figura magnifica intorno ai suoi bellissimi capelli. Aveva quindici anni, quando il Re si rimaritò.

La novella Regina mandò a prendere una sua figlia, che era stata allevata in casa della sua comare, la fata Sussio: ma non per questo era diventata più bella e più graziosa.

La fata ci aveva messo un grand’impegno: ma senza concluder nulla di buono: nondimeno le voleva moltissimo bene.

La chiamavano Trotona, perché aveva sul viso delle macchie rossastre, come quelle della trota: i suoi capelli erano così grassi e imbiosimati, da non giovarsene a toccarli e dalla sua pelle giallastra gocciolava l’unto.

La Regina le voleva un bene dell’anima e non aveva altro in bocca che la sua cara Trotona; e perché Fiorina era stata in ogni cosa molto più favorita della sua figlia, ne sentiva una grande spina al cuore, e faceva di tutto per mettere Fiorina in uggia al padre.

Non c’era giorno che la Regina e Trotona non inventassero qualche marachella a danno di Fiorina; ma la Principessa, così dolce di carattere e piena di spirito, ci passava sopra e faceva finta di non darsene per intesa.

Il Re disse un giorno alla Regina che Trotona e Fiorina erano tutte e due da marito, e che appena si fosse presentato un Principe in Corte, bisognava fare in modo di dargliene una.

“Io voglio”, disse la Regina, “che mia figlia sia maritata la prima: ha più anni della vostra, e siccome è anche mille volte più graziosa, così non c’è nemmeno da esitare e da pensarci sopra.”

Il Re, a cui non piaceva mettersi a tu per tu, disse che per parte sua era contentissimo, e che la lasciava padrona di fare e disfare.

Di lì a poco tempo si venne a sapere che stava per giungere il Re Grazioso. Non c’era ricordanza d’un altro Re più galante e più splendido di lui. Il suo spirito e la sua persona rispondevano a capello al suo nome.

Appena la Regina venne a saperlo, messe subito in moto tutte le sarte e tutti i lavoranti di mode, per allestire il corredo alla sua Trotona.

Di più, pregò il Re a non fare nessun vestito di nuovo a Fiorina; e, messa su la cameriera di lei, le fece portar via tutti i suoi abiti, le pettinature e le gioie, il giorno stesso in cui arrivò il Principe Grazioso; e così Fiorina, quando andò per vestirsi, non trovò nemmeno il biracchio d’un nastro e mandò alle botteghe, per comprare delle stoffe: ma risposero che la Regina aveva loro proibito che le fosse venduta la più piccola cosa. Ragione per cui ella si trovò con un vestituccio da casa, abbastanza indecente, e n’ebbe tanta vergogna che, all’arrivo del Re Grazioso, andò a rincattucciarsi in un angolo della sala.

La Regina lo ricevé con grandi salamelecchi e gli presentò sua figlia, che era più risplendente del sole, e più brutta del solito, a cagione dei tanti fronzoli che aveva addosso. Il Re si voltò da un’altra parte per non vederla: e la Regina intestata a credere che gli piacesse troppo e che non volesse impegnarsi, cercava tutti i mezzi per mettergliela dinanzi agli occhi. Egli domandò se non vi fosse anche un’altra Principessa, chiamata Fiorina.

“Sì,” disse Trotona indicandola col dito “eccola là che si nasconde, perché è una broccola.”

Fiorina arrossì e diventò bella, ma tanto bella, che il Re Grazioso ne rimase abbagliato. Si alzò subito, fece un grand’inchino alla Principessa, e le disse:

“La vostra bellezza è tale, che non ha bisogno di fronzoli e di altri ornamenti.”

“Signore”, ella rispose, “vi giuro che non è mia abitudine di portare dei vestiti sconvenienti, come questo: e mi avreste fatto un gran regalo a non voltarvi verso di me.”

“Impossibile”, esclamò Grazioso, “che una Principessa così meravigliosa, trovandosi presente in qualche luogo, si possano avere degli occhi per le altre, e non per lei!”

“Ah!”, disse la Regina stizzita, “spendo proprio bene il mio tempo a stare a sentire i vostri discorsi. Credetelo a me, signore: Fiorina è già abbastanza civetta e non ha bisogno di essere stuzzicata con tante galanterie.”

Il Re Grazioso capì per aria le ragioni che facevano parlare così la Regina; ma non essendo uomo da peritarsi o da pigliar soggezione, lasciò libero sfogo alla sua ammirazione per Fiorina, e ci parlò insieme per tre ore di seguito.

La Regina che aveva un diavolo per capello e Trotona che non sapeva darsi pace di vedersi preferita la Principessa, andarono tutte e due a lamentarsi risentitamente dal Re e lo costrinsero a consentire che Fiorina venisse rinchiusa in una torre per tutto il tempo che il Re Grazioso fosse rimasto alla Corte, perché così non avessero modo di vedersi fra loro. Detto fatto, appena Fiorina fu tornata nella sua stanza, quattro uomini mascherati la portarono in cima alla torre e ce la lasciarono nella più grande costernazione, perché ella capiva benissimo che con questo tiro si voleva toglierle l’occasione di piacere al Re, il quale piaceva già tanto a lei, che avrebbe desiderato averlo per suo sposo.

Il Re Grazioso, che non sapeva nulla della violenza usata alla Principessa, aspettava smaniando l’ora di poterla rivedere. Parlò di lei alle persone che il Re gli aveva messo dintorno per dargli un corteggio d’onore; ma queste, per ordine della Regina, gliene dissero tutto il male possibile: che era una fraschetta, una capricciosa, d’indole cattiva, il supplizio dei conoscenti e dei servitori, che non si poteva essere più sudici di lei e che spingeva la spilorceria fino al segno di vestirsi peggio d’una pecoraia, piuttosto che comprarsi delle belle stoffe, coi denari che le passava suo padre. A sentire tutte queste storie, Grazioso si rodeva dentro di sé, e aveva certi scatti di collera, che durava fatica a frenarli.

“No”, diceva esso fra sé e sé, “non è possibile che il cielo abbia messo un’anima così volgare in quell’opera così bella della natura. Sia pure che quando la vidi, non fosse vestita con molta decenza, ma il rossore che n’ebbe, prova abbastanza che quella non è la sua abitudine. Come può essere cattiva, con quell’aria di modestia e di dolcezza che innamora? non mi va giù: e credo invece che la Regina ne dica tanto male apposta. Le matrigne ci sono per qualche cosa in questo mondo: e quanto alla Principessa Trotona, è una così brutta versiera, che non mi farebbe punto specie se invidiasse a morte la più perfetta fra tutte le creature.”

Mentre egli fantasticava così, i cortigiani che gli stavano dintorno capirono dalla sua cera, che a dirgli male di Fiorina, non gli avevano fatto un gran piacere. Ce ne fu uno più svelto degli altri, il quale mutando linguaggio e registro, per arrivare a conoscere i sentimenti del Re si fece a dire le più belle cose sul conto della Principessa. A quelle parole, egli si svegliò come da un sonno profondo, prese parte alla conversazione e la gioia brillò sul suo viso. Amore, Amore,… quant’è difficile a saperti nascondere! Tu fai capolino dappertutto: sulle labbra di un amante, ne’ suoi occhi, nel suono della sua voce: quando si ama davvero, il silenzio e la conversazione, la gioia e la tristezza, tutto palesa quello che si sente dentro.

La Regina impaziente di sapere se il Re Grazioso fosse rimasto fortemente preso di Fiorina, mandò a chiamare coloro che egli aveva ammessi alla sua confidenza e passò il resto della notte a interrogarli.

Tutte le cose che essi le raccontavano valevano a confermarla sempre più nell’idea che il Re amasse Fiorina.

Ma che cosa vi dirò io dell’abbattimento di spirito della povera Principessa? Ella stava distesa per terra nella parte più alta di quell’orribile torre, dove era stata portata quasi di peso dagli uomini mascherati.

“Sarei meno da compiangere”, diceva essa, “se mi avessero rinchiusa qui, prima di conoscere quel simpatico Re. La memoria che serbo di lui non può servire che a far crescere i miei tormenti. Si vede bene che la Regina mi tratta in questo modo per impedirmi di poterlo vedere. Povera me! quanto mi dovrà costar cara questa po’ di bellezza che il cielo mi ha dato!”

E dopo piangeva, e piangeva tanto dirottamente, che la sua stessa nemica ne avrebbe avuto pietà, se avesse veduto il suo dolore. E così passò la nottata.

La Regina, che voleva amicarsi il Re a furia di moine e di segni particolari di riguardo e d’attenzione, gli mandò degli abiti splendidissimi, d’una magnificenza senza pari e tagliati sulla moda del paese: e più, le insegne dei cavalieri dell’ Amore, ordine cavalleresco istituito dal Re, per voler di lei, il giorno stesso del loro matrimonio. Era un cuore d’oro, smaltato color di fiamma, contornato da parecchie frecce e trapassato da una di queste, col motto: “una sola mi ferisce”.

La Regina aveva fatto tagliare per il Re Grazioso un rubino grosso come un uovo di struzzo: ogni freccia era di un solo diamante, lungo quanto un dito, e la catena alla quale era appeso il cuore, tutta fatta di perle, delle quali la più piccola pesava un mezzo chilogrammo: insomma, dacché mondo è mondo, non s’era mai veduto nulla d’eguale.

A quella vista il Re rimase così stupito, che per qualche minuto non seppe trovare il verso di dire una parola. Nel tempo medesimo gli fu presentato un libro, di cui i fogli erano in carta velina, con miniature meravigliose e la copertina tutta d’oro e carica di gemme, e dove erano scritti con un linguaggio molto appassionato e galante gli statuti dell’Ordine de’ Cavalieri d’Amore.

Dissero al Re che la Principessa, da lui veduta, lo pregava a voler essere suo cavaliere; e che intanto gli mandava questi regali.

A queste parole, egli osò lusingarsi che questa Principessa fosse appunto quella amata da lui.

“Come! “, esclamò egli, “la bella Principessa Fiorina pensa a me in una maniera così generosa e cortese?”

“Signore”, gli dissero, “voi pigliate sbaglio sul nome; noi veniamo qui da parte dell’amabile Trotona.”

“È la Trotona che mi vuole per suo cavaliere?”, disse il Re, con una fisionomia seria e ghiacciata “mi dispiace di non potere accettare tanto onore, ma un sovrano non è padrone di prendere gl’impegni che vorrebbe. Io conosco i doveri d’un cavaliere, e vorrei adempirli tutti: preferisco dunque non avere la grazia, che ella mi offre, piuttosto che dovermene rendere indegno.”

E rimesse subito nella cestina il cuore, la catena e il libro, e rimandò ogni cosa alla Regina, la quale ci corse poco che, insieme a sua figlia, non affogasse della bile per il modo disprezzante col quale il Re straniero aveva accolto un favore così singolare.

Appena Grazioso ebbe il tempo di recarsi dal Re e dalla Regina, entrò nel loro appartamento colla speranza di trovarvi Fiorina. La cercò cogli occhi dappertutto: e quando sentiva qualcuno entrare nella stanza, si voltava subito a guardare; si vedeva che era inquieto, e di cattivo umore. La maliziosa Regina aveva indovinato appuntino quel che il Principe rimuginava nel cuore, ma faceva l’indifferente come non ne sapesse nulla.

Essa gli parlava di partite di piacere; ed egli rispondeva a rovescio. Alla fine Grazioso domandò dove fosse la Principessa Fiorina.

“Signore”, gli disse fieramente la Regina, “il Re suo padre le ha proibito di uscire dalle sue stanze, fino a tanto che mia figlia non abbia preso marito.”

“E qual motivo”, replicò il Re, “vi può essere, per tener prigioniera la bella Principessa?”

“Non lo so”, disse la Regina, “e quand’anche lo sapessi non mi crederei punto obbligata a dirvelo.”

Al Re era salita la bizza fino alla punta dei capelli. Dava delle occhiatacce, di traverso, a Trotona, e pensava fra sé che era per colpa di quel mostriciattolo, se gli era stato tolto il piacere di veder la Principessa. Si congedò in quattro e quattr’otto dalla Regina, perché la sua presenza gli faceva male al cuore.

Quando fu tornato nella sua camera, disse a un giovane Principe che lo aveva accompagnato e al quale voleva un gran bene, di spendere tutto quello che ci fosse voluto, pur di tirargli dalla sua qualche cameriera della Principessa, e aver così il modo di parlarle un solo momento.

Questo Principe trovò senza fatica alcune dame di Corte che s’intesero con lui: e fra le tante, ce ne fu una che gli dètte per sicuro che quella sera stessa Fiorina sarebbe stata a una finestrina bassa, che dava sul giardino; e che di lì il Principe avrebbe potuto parlarle: s’intende bene, adoperando tutte le cautele da non essere scoperto, perché, diceva essa, il Re e la Regina sono tanto severi, che se scoprissero che io ho tenuto di mano agli amori del Principe Grazioso, per me sarebbe morte sicura.

Il Principe, contento da non potersi dire di aver menata la cosa fino a quel punto, le promise tutto quello che volle, e corse a fare la sua parte col Re, avvertendolo dell’ora fissata per il ritrovo. Ma la confidente, che era di malafede, andò subito a risoffiare ogni cosa alla Regina, e si messe ai suoi ordini.

Il primo pensiero della Regina fu quello di mandare la propria figlia alla piccola finestra; e la imbeccò così bene, che Trotona, sebbene fosse una grande stupida, non dimenticò un etto di quello che doveva dire e fare.

La notte era così buia, che sarebbe stato impossibile al Re di accorgersi della trappoleria, quand’anche non avesse avuto ragione di credersi sicuro del fatto suo: di modo che si avvicinò alla finestra con un trasporto di gioia incredibile.

E lì disse a Trotona tutte quelle cose che avrebbe dette a Fiorina, per assicurarla del suo grand’amore.

Trotona, profittando dell’equivoco, gli rispose che era la creatura più infelice di questo mondo, a motivo di una matrigna così spietata e che avrebbe dovuto passarne ancora chi sa quante, prima che la figlia di lei non si fosse maritata.

Il Re disse e giurò che se ella lo avesse voluto per suo sposo, sarebbe stato più che felice di metterla a parte della sua corona e del suo cuore.

E nel dir questo, si cavò un anello di dito e infilandolo nel dito a Trotona aggiunse che quello era un pegno eterno della sua fede, e che stava a lei fissare l’ora della partenza. Trotona rispose, come meglio poté, a tutte queste calorose premure.

Egli s’era accorto benissimo che nelle risposte di lei non c’era un chicco di buon senso: la quale cosa gli avrebbe fatto dispiacere, se già non fosse stato persuaso che la paura dell’apparizione improvvisa della Regina doveva essere la cagione di quei discorsi sconclusionati.

Egli la lasciò, a patto che sarebbe tornata il giorno dopo: ed ella promise con tutto il cuore.

La Regina, saputo il buon esito del primo colloquio, cominciò a sperar bene. Di fatto, fissato il giorno della partenza, il Re la venne a prendere in un cocchio volante, tirato da ranocchi alati, regalo fattogli da un Mago amico suo.

La notte era buia di molto. Trotona uscì misteriosamente da una piccola porta, e il Re, che la stava attendendo, la prese fra le sue braccia e le giurò cento e cento volte fedeltà eterna!

Ma siccome non si sentiva in vena di seguitare a volare per lungo tempo nel suo cocchio volante, senza sposare la Principessa, che amava tanto, così le chiese dove voleva che si facessero le nozze: ella rispose che aveva per comare una fata chiamata Sussio, molto conosciuta, ed era suo avviso di andare al castello di lei.

Il Re non sapeva la strada, ma bastò che dicesse ai suoi grossi ranocchi: conducetemi là. Essi sapevano la carta geografica dell’Universo, e in pochi minuti portarono lui e la Trotona dalla fata Sussio.

Il castello era così bene illuminato, che il Re, arrivandovi, si sarebbe subito avvisto del suo errore, se la Principessa non avesse avuto la malizia di coprirsi tutta col velo. Chiese della comare: la chiamò a quattr’occhi, e le raccontò il come e il quando avesse ingannato il Principe Grazioso, pregandola a fare in modo di rabbonirlo.

“Ah! figlia mia!”, disse la fata, “la cosa non sarà facile: egli ama troppo Fiorina, e son sicura che ci farà disperare, e dimolto.”

Intanto il Re le aspettava in una sala, le cui pareti erano di diamanti, così nitide e così trasparenti, da lasciargli vedere, a traverso di essi, la Sussio e Trotona, che parlavano fra di loro.

Credé di sognare.

“Possibile”, diceva, “che io sia stato tradito? O sono i diavoli, che hanno portata qui questa nemica della nostra gioia? Vien’ella forse per avvelenare il nostro matrimonio? E la mia diletta Fiorina non si vede venire! Chi sa che il padre suo non l’abbia inseguita fin qui!”

Molte altre cose gli passavano per la testa, che lo mettevano in grande agitazione; ma il peggio fu quando le due donne entrarono nella sala, e che Sussio gli disse con voce di comando:

“Re Grazioso, ecco qui la Principessa Trotona, alla quale avete dato la vostra parola, essa è mia figlioccia, e desidero che la sposiate subito”.

“Io”, esclamò il Principe, “io sposare quel brutto scarabocchio? Si vede proprio che mi avete preso per un uomo di pasta frolla, a farmi certi discorsi. Sappiate intanto che io non le ho fatta nessuna promessa, e se ella dice il contrario, si merita il titolo…”

“Non proseguite”, disse Sussio, “e badate bene di non mancarmi di rispetto.”

“Sia pure”, replicò il Re, “che io debba rispettarvi, per quanto può meritarlo una fata: ma voglio peraltro che mi rendiate la mia Principessa.”

“E non son io la tua Principessa, spergiuro?”, disse Trotona, mostrandogli l’anello, “A chi l’hai tu dato quest’anello in pegno di fede? Con chi hai parlato alla piccola finestra, se non con me?”

“Come mai?”, egli rispose, “dunque sono stato tradito… ingannato? No, mille volte no! Non voglio essere la vittima e lo zimbello degli altri. Su, su, ranocchi! miei bravi ranocchi! voglio partir subito.”

“Non è una cosa che possiate farla senza il permesso mio”, disse Sussio. Ella lo toccò, e i suoi piedi si attaccarono all’impiantito, come se ci fossero rimasti inchiodati.

“Quand’anco mi lapidaste”, le disse il Re, “quand’anche mi scorticaste vivo, non sarò mai d’altri che di Fiorina; la mia risoluzione è presa, e fate pure di me quello che più vi piace.”

Sussio messe in opera tutto, dolcezze, maniere, promesse, preghiere; Trotona pianse, strillò, singhiozzò, andò in convulsioni, e si calmò. Il Re non aprì più bocca, e guardandole tutte e due con grandissimo disprezzo, non rispose sillaba alle loro cicalate.

E così passarono venti giorni e venti notti, senza che le due donne si chetassero un minuto, e senza che sentissero il bisogno di mangiare, di dormire e di mettersi a sedere.

Alla fine Sussio, stanca morta da non poterne più, disse al Re:

“Ebbene, voi siete un ostinataccio, né c’è verso di farvi intendere la ragione: scegliete dunque: o sett’anni di penitenza, per aver dato la vostra parola senza mantenerla, o sposare la mia figlioccia”.

Il Re, che fin allora aveva serbato un profondo silenzio, gridò subito:

“Fate di me tutto quel che volete, purché io sia liberato da questa sguaiata”.

“Sguaiato voi”, replicò Trotona inviperita. “Ci vuol davvero una bella faccia fresca, come la vostra, sovranuccio da un soldo la serqua, a venire con un equipaggio da ranocchiai fino nel mio paese, per dirmi delle insolenze e per mancarmi di parola. Se aveste un brindello d’onore, terreste forse questo contegno?”

“I vostri rimproveri mi straziano l’anima” disse il Re, in atto di canzonatura. “Capisco anch’io che ho un gran torto a non sposare questa bella fanciulla!”

“No, no, non la sposerai mai”, gridò Sussio tutta stizzita. “A te non rimane altre che volare da questa finestra, perché per sett’anni interi tu sarai l’uccello turchino.”

A queste parole il Re cominciò a cambiare d’aspetto; le braccia si vestono di penne e formano le due ali: le gambe e i piedi diventano neri e sottili; gli crescono delle unghie appuntate; il corpo si assottiglia e si cuopre tutto di lunghe piume finissime e macchiate di turchino; gli occhi si fanno tondi e brillano come due soli; il naso ha preso il garbo di un becco d’avorio; sul suo capo spunta un ciuffetto bianco, in forma di diadema; canta da innamorare e parla nello stesso modo.

Ridotto in quello stato, manda un grido di dolore nel vedersi così trasfigurato e, pigliando il volo a ali spiegate, fugge dal funesto palazzo di Sussio.

Pieno l’anima di tristezza infinita, va svolazzando di ramo in ramo, scegliendo a preferenza gli alberi consacrati all’amore o alla malinconia; e ora si posa sui mirti, ora sui cipressi: e canta delle arie pietose, colle quali piange sulla sua trista sorte e su quella di Fiorina.

“Dove l’avranno nascosta i suoi nemici?”, egli diceva, “che sarà mai accaduto di quella bella infelice? Il cuore spietato della Regina l’avrà lasciata ancora in vita? Dove potrò cercarla? E sarò dunque condannato a passare sette anni senza di lei? Forse in questo tempo le daranno uno sposo, e io perderò per sempre l’unica speranza che mi faccia cara la vita.”

Questi pensieri accuoravano così forte l’uccello turchino, che gli venne voglia di lasciarsi morire.

Intanto la Sussio aveva rimandato Trotona dalla Regina madre, la quale stava in gran pensiero sul come fosse andato a finire lo sposalizio.

Ma quando vide la figlia, e che riseppe da lei tutto l’accaduto, prese una furia spaventosa, la quale di contraccolpo andò a ricascare sulla povera Fiorina.

“Voglio”, ella disse, “che abbia da pentirsi più di una volta di aver saputo innamorare il Re Grazioso.”

Ella salì nella torre insieme con Trotona, la quale era vestita de’ suoi abiti più sfarzosi: e portava in capo una corona di brillanti e le reggevano lo strascico del manto reale tre figli de’ più ricchi baroni dello Stato.

Nel dito grosso aveva l’anello del Re Grazioso, quello stesso che aveva dato nell’occhio a Fiorina, il giorno che parlarono insieme.

Ella rimase sbalordita e non sapeva cosa pensare, nel vedere Trotona in tutta quella gala.

“Ecco mia figlia”, disse la Regina, “che è venuta a portarvi i regali delle sue nozze; essa è stata sposa del Re Grazioso, il quale ne è innamorato morto: non c’è da figurarsi una coppia più felice di loro!…”

E nel dir così, furono spiegate davanti alla Principessa le stoffe d’oro e d’argento, le trine, i nastri, le pietre preziose che stavano in una gran cesta di filigrana d’oro. Nel presentarla di tutte queste cose, Trotona s’ingegnò di metterle sott’occhio l’anello del Re; per cui la Principessa Fiorina non poteva ormai più dubitare della sua disgrazia. Ella gridò con l’accento della disperazione che le togliessero davanti agli occhi tutti quei regali tanto funesti; che non voleva più vestire, altro che di nero; o piuttosto morire subito. E cadde svenuta. La crudele Regina, contentissima del tiro fatto, non volle che le fosse prestato alcun soccorso; la lasciò sola in quello stato compassionevole, e corse malignamente a raccontare al Re che sua figlia era talmente invasata dall’amore, fino al segno di commettere delle stravaganze senz’esempio: e che bisognava stare attenti, perché non potesse fuggire dalla torre.

Il Re rispose che era padrona di regolare questa faccenda a modo suo, e che, quanto a lui, non avrebbe avuto nulla da ridire in contrario.

Quando la Principessa si fu riavuta dallo svenimento e poté ripensare al contegno, che tenevano con lei, ai mali trattamenti che riceveva dall’indegna matrigna e alla speranza perduta per sempre di sposare il Re Grazioso, il suo dolore si fece così acuto, che pianse tutta la notte: e affacciatasi alla finestra, si sfogò in lamenti che straziavano il cuore. Quando vide albeggiare, richiuse la finestra e seguitò a piangere.

La notte di poi aprì la finestra, e sospirando e singhiozzando versò un fiume di lagrime; ma appena fatto giorno tornò a nascondersi nella sua stanza.

Intanto il Re Grazioso, o per meglio dire, il bell’uccello turchino, non finiva mai di svolazzare intorno al palazzo: egli pensava che la sua cara Principessa vi era rinchiusa: e se i lamenti di lei erano strazianti, i suoi non lo erano di meno.

Egli si avvicinava alle finestre più che poteva, per metter gli occhi dentro alle stanze: ma la paura che Trotona non lo scorgesse e non le nascesse il sospetto che fosse lui, lo teneva indietro dal fare quanto avrebbe voluto.

“Ci va della mia vita”, diceva egli fra sé, “e se quelle due versiere mi scuoprissero, sarebbero capaci di qualunque vendetta; e così bisognerebbe o che io mi allontanassi di qui o che mettessi a repentaglio i miei giorni.”

Questi ragionamenti lo persuasero a pigliare tutte le precauzioni immaginabili, e, per il solito, cantava soltanto di notte.

Rimpetto alla finestra, dove stava Fiorina, c’era un cipresso di una grandezza maravigliosa: l’uccello turchino venne a posarvisi sopra. Appena si fu posato, sentì una voce che si lamentava in questo modo:

“Dovrò ancora soffrire per molto tempo? e la morte non verrà a liberarmi da queste pene? Quelli che hanno paura della morte, se la vedono arrivare anche troppo presto: io la desidero, e la crudele mi sfugge. Ah! Regina senza cuore! che t’ho io fatto per tenermi così iniquamente imprigionata? Non puoi inventare altri modi per martoriarmi? Oramai non ti manca altro che farmi vedere coi propri miei occhi, la felicità che gode la sua indegna figlia col Re Grazioso”.

L’uccello turchino non aveva perso una sillaba di questo lamento: ne rimase stupito, e aspettò con una smania indicibile che il sole si levasse, per vedere la donna che si disperava tanto. Ma quando il sole si levò, ella aveva già richiusa la finestra, e s’era ritirata.

L’uccello, curioso, fu puntuale a tornare la sera dopo. Era chiaro di luna. E vide una fanciulla alla finestra della torre, che ricominciava la storia de’ suoi affanni.

“Oh, sorte, sorte!”, diceva essa, “tu che mi cullasti nella speranza d’un trono: tu che mi avevi reso l’amore del padre mio, che t’ho mai fatto, per dovermi sommergere in quest’oceano di grandi amarezze? È proprio scritto che si debba cominciare fin da un’età così giovane, come la mia, a provare la tua incostanza? Ritorna, o barbara, ritorna da me: io non ti domando che una grazia sola; poni fine al mio spietato destino.”

L’uccello turchino stava tutto in orecchi, e più ascoltava, più si persuadeva che la donna che lamentavasi a quel modo, doveva essere la sua graziosa Principessa.

E le disse:

“Adorata Fiorina, maraviglia de’ nostri giorni, perché volete por fine così repentinamente ai vostri? C’è sempre speranza di trovare un rimedio alle vostre afflizioni”.

“Come?… chi è che mi volge queste parole di consolazione?” diss’ella.

“Un Re infelice”, rispose l’uccello, “il quale vi ama e non amerà che voi sola.”

“Un Re che mi ama?”, ella soggiunse, “non sarebbe per caso un laccio teso da’ miei nemici? Ma, in fin dei conti, che cosa ci guadagnerebbe la Regina? Se ella vuol conoscere i miei sentimenti, son pronta a dirglieli colla mia stessa bocca.”

“No, Principessa mia”, rispose l’uccello, “l’amante che vi parla non è capace di un tradimento.”

Nel dir queste parole, andò a posarsi sulla finestra. Fiorina dapprincipio ebbe una gran paura di un uccello così singolare, che parlava con tant’anima, come se fosse un uomo, sebbene avesse una vocina compagna a quella dell’usignolo; ma la bellezza delle sue penne, e più che altro le cose gentili che le disse, la rassicurarono.

“M’è egli dunque concesso di potervi rivedere, Principessa mia?”, esclamò. “Posso io bearmi in tanta contentezza, senza morire di gioia? Ma, ohimè! quanto questa gioia è avvelenata dal vedervi costì in prigione, e dallo stato, nel quale l’iniqua Sussio mi ha trasfigurito per sette anni!”

“E voi chi siete, grazioso uccello?”, disse la Principessa, facendogli delle carezze.

“Voi avete pronunziato il mio nome”, soggiunse il Re, “e fate finta di non riconoscermi?”

“Come!”, disse la Principessa. “Possibile, che il più gran Re del mondo!… possibile che il Re Grazioso si sia cambiato in quest’uccellino?”

“Ohimè! Pur troppo è così, mia bella Fiorina”, egli riprese a dire, “e l’unica cosa che in tanta disgrazia mi sia di sollievo, gli è di sapere che ho preferito questo martirio a quello di dover rinunziare alla gran passione che ho per voi.”

“Per me?”, disse Fiorina. “Ah! per carità, non cercate di ingannarmi. Lo so, lo so, che avete sposato Trotona: ho riconosciuto il vostro anello nel suo dito: l’ho veduta tutta fiammante dei vostri brillanti. Essa è venuta a insultarmi qui, in questa orribile prigione, carica del peso di una corona e di un manto reale, avuto in dono da voi, mentre io ero carica di catene e di ferri!…”

“E voi vedeste Trotona in questo abbigliamento?”, interruppe il Re, “ed essa e sua madre ebbero tanta sfacciataggine da dirvi che tutti quei gioielli erano un regalo mio? Oh cielo! si può essere più sfacciatamente bugiardi di così? E non potermi vendicare come vorrei!… Sappiate dunque che tentarono di mettermi in mezzo: che, valendosi del vostro nome, mi fecero rapire quella brutta megera di Trotona; ma, appena avvistomi dello sbaglio, l’ho piantata lì, e ho preferito piuttosto diventare per sette anni l’uccello turchino, che mancare alla fede che vi ho giurata.”

Fiorina provava un piacere così grande, udendo parlare in questo modo il suo caro amante, che non sentiva più i tormenti della sua prigionia. Che cosa mai non gli seppe dire per consolarlo del suo tristo caso e per accertarlo che ella avrebbe fatto per lui, ciò che esso aveva fatto per lei?

Il giorno cominciava a farsi chiaro. Molti ufficiali della corte erano già alzati: e l’uccello turchino e la Principessa parlavano ancora fitto fitto fra loro. Alla fine si separarono con gran dispiacere, dopo essersi scambiata la promessa che tutte le notti si sarebbero riveduti.

La gioia di ritrovarsi insieme fu tanto grande, da non potersi ridire. Ciascuno, per la sua parte, ringraziava l’amore e la fortuna.

Intanto Fiorina stava in pensiero per l’uccello turchino.

“Chi me lo assicura dai cacciatori, o dalle grinfie di qualche aquila o di qualche avvoltoio affamato, capace di mangiarselo con tanto gusto, come se non fosse un gran Re? Oh Dio! che sarebbe di me, meschina, se le sue penne fini e leggiere, portate dal vento, giungessero fino nel mio carcere per annunziarmi la sciagura, che io temo sempre?”

Questo tristo pensiero fece sì che la Principessa non poté chiudere un occhio; perché, quando si ama davvero, le paure pigliano l’aspetto di verità, e quel che prima pareva impossibile diventa possibilissimo; e fu così, che ella passò tutta la giornata a piangere, finché non venne l’ora fissata per andare a mettersi alla finestra.

Il grazioso uccello, nascosto dentro lo spacco d’un albero, in tutto il giorno non aveva fatto altro che pensare alla sua bella Principessa.

“Quanto sono contento”, diceva egli, “di averla ritrovata: e com’è premurosa per me! Le gentilezze che mi usa, le sento tutte qui nel cuore!”

L’appassionato amante contava fino al minuto secondo il tempo della sua penitenza, che gli impediva di sposarla; e si struggeva più che mai dal desiderio di veder finita la sua condanna.

E perché voleva usare a Fiorina tutte quelle galanterie, che aveva in poter suo di fare, volò fino alla capitale del suo regno, andò nel suo palazzo, entrò nel suo gabinetto dal buco d’un vetro rotto: prese un paio d’orecchini di diamanti, così belli e così perfetti, da non trovarli eguali, e li portò la sera a Fiorina, pregandola di volerseli mettere.

“Me li metterei”, diss’ella, “se voi mi vedeste di giorno; ma siccome non vi parlo che di notte, così non me li metterò.”

L’uccello le promise di fare in modo di venire alla Torre nell’ora che ella avesse voluto: allora s’infilò gli orecchini, e passarono tutta la notte in colloqui fra loro, come avevano fatto la sera avanti.

Il giorno dopo l’uccello tornò nel suo regno: andò al palazzo, entrò nel suo gabinetto per il solito vetro rotto, e portò via con sé i più splendidi braccialetti che si fossero mai visti: erano formati di uno smeraldo tutto di un pezzo, sfaccettato e bucato nel mezzo per potervi passare la mano e il braccio.

“Credete forse”, gli disse la Principessa, “che il mio amore per voi abbia bisogno di essere coltivato a furia di regali? Ah! si vede proprio che mi conoscete male!”

“No, o signora”, replicò egli, “io non ho mai creduto che i ninnoli che vi offro sieno necessari per conservarmi il bene che mi volete; ma sarei mortificato, se trascurassi la più piccola occasione per mostrarvi l’attenzione che ho per voi: e poi, quando non mi avete dinanzi agli occhi, questi piccoli gioielli saranno buoni a richiamarmi alla vostra memoria.”

Fiorina, dal canto suo, gli disse un’infinità di cose gentili, alle quali egli ne rispose mille altre, più gentili che mai.

La notte seguente l’uccello turchino si fece un obbligo di portare alla sua bella un orologio, d’una giusta grandezza, che stava dentro a una perla; eppure la materia era vinta dall’eccellenza del lavoro.

“È inutile”, diss’ella con grazia squisita, “di venirmi a regalare un orologio. Quando voi siete lontano da me, le ore mi paiono eterne: quando siete con me, passano come un sogno. Come posso fare a dar loro una misura giusta?”

“Ohimè, Principessa mia”, esclamò l’uccello turchino, “io la penso precisamente come voi su questo punto, perché in quanto a sensibilità di cuore son sicuro di non restare indietro a nessuno. Difatti, vedendo quel che soffrite per conservarmi il vostro cuore, sono in grado di giudicare che avete portato l’amicizia e la stima all’estremo limite, dove possono arrivare.”

Quando appariva il giorno, l’uccello volava dentro lo spacco del suo albero, e li si nutriva di frutti. Qualche volta cantava delle belle ariette: il suo canto innamorava i passanti, che lo udivano, senza che potessero vedere alcuno. Così si sparse la voce che lì dintorno ci fossero degli spiriti.

E questa credenza si diffuse tanto, che nessuno aveva più coraggio di entrare nel bosco. Si raccontavano mille avventure favolose, accadute in quel luogo: e lo spavento generale fu cagione della maggior sicurezza dell’uccello turchino.

Non passava giorno, senza che egli facesse un regalo a Fiorina: ora un vezzo di perle: ora anelli con brillanti, di finissimo lavoro: ora fermagli di diamanti, spilloni, mazzolini di pietre preziose, colorite a imitazione dei fiori, libri piacevoli e medaglie: per farla corta, essa aveva messo insieme un ammasso di ricchezze maravigliose. Con queste si adornava soltanto la notte per far piacere al Re: il giorno, non sapendo dove riporle, le nascondeva dentro al saccone del letto.

In questo modo scorsero due anni, senza che Fiorina avesse da lagnarsi una sola volta della sua prigionia. E come poteva lagnarsene? Essa aveva la consolazione di parlare tutte le notti con la persona amata; né c’è ricordanza che fra due innamorati si sieno mai scambiate tante paroline graziose, come accadeva fra loro. Benché ella non vedesse anima viva e l’uccello passasse le giornate rinchiuso dentro lo spacco dell’albero, nondimeno avevano sempre mille cose nuove da raccontarsi; la materia era inesauribile, perché il loro cuore e il loro spirito fornivano abbondantemente il soggetto dei lunghi colloqui.

Intanto la maliziosa Regina, che la teneva così crudelmente imprigionata, si dava un gran da fare per vedere di maritare la figlia. Mandava ambasciatori a proporla a tutti i principi, dei quali sapeva il nome: ma appena gli ambasciatori arrivavano, si trovavano congedati senza tante cerimonie.

“Oh! se si trattasse della Principessa Fiorina”, dicevan loro, “sareste ricevuti a braccia aperte: ma in quanto a Trotona, può farsi monaca se vuole; ché nessuno si opporrà dicerto.”

A sentire questi discorsi, la madre e la figlia andavano su tutte le furie e se la pigliavano contro la povera Principessa, vittima delle loro persecuzioni.

“Come!”, dicevano esse, “sebbene chiusa in prigione, quest’insolente sarà dunque per noi un bastone fra i piedi? Come perdonarle i brutti tiri, che ci fa tutti i giorni? Bisogna dire che ell’abbia delle corrispondenze segrete nei paesi stranieri: in questo caso, per lo meno, è rea di Stato: trattiamola dunque come tale, e si faccia di tutto per convincerla del suo delitto.”

Il loro conciliabolo finì così tardi, che era già mezzanotte suonata, quando si decisero a salire nella torre per interrogarla. Essa per l’appunto stava alla finestra, coll’uccello turchino, ornata delle sue gemme, e coi suoi belissimi capelli pettinati con tutta quella attenzione, che non è punto naturale nella persona afflitta da un gran dolore. La sua camera e il suo letto erano seminati di fiori, e qualche pasticca di Spagna, che essa aveva bruciato pochi momenti prima, spandeva per la stanza un buonissimo odore.

La Regina messe l’orecchio alla porta, e le parve sentir cantare un’aria a due voci: perché anche Fiorina aveva una voce angelica. Le parole di quest’aria le parvero molto tenere, e dicevano press’a poco così:

“Come è trista la nostra sorte: e quanti affanni ci costa il nostro amore!… Ma invano si provano a vincere tanta fermezza: a dispetto dei nostri nemici, i nostri cuori rimarranno uniti per sempre.”

Questo piccolo concerto fu chiuso da alcuni sospiri.

“Ah! Trotona mia, siamo tradite!” esclamò la Regina spalancando screanzatamente l’uscio ed entrando nella camera.

Come restò Fiorina a quella vista! Chiuse subito la finestra, per dar tempo al real uccello di volar via. Le stava più a cuore la salvezza di lui, che la propria: ma egli non ebbe la forza di allontanarsi: col suo sguardo penetrantissimo, aveva capito il pericolo al quale si trovava esposta la Principessa. Egli aveva vista la Regina e Trotona: che dolore per lui di non essere in grado di difendere la sua bella!

Le due megere si avventarono su di essa, come se la volessero mangiare.

“Si sanno le vostre trame contro lo Stato!”, esclamò la Regina. “Non sperate che il vostro grado basti a salvarvi dal meritato castigo.”

“E con chi posso aver tramato, o signora?” replicò la Principessa. “Da due anni in qua, non siete forse voi la mia carceriera? Ho mai vedute altre persone, fuor di quelle mandatemi da voi?”

Mentre parlava così la Regina e sua figlia la guardavano con tanto d’occhi. Erano rimaste abbagliate dalla sua bellezza meravigliosa e dalla sua acconciatura veramente straordinaria.

“E chi vi ha dato, o signora”, disse la Regina, “tutte codeste pietre preziose, che brillano come il sole? Volete forse darci ad intendere che in questa torre ci sono delle miniere? “

“Ce l’ho trovate”, disse Fiorina, “è tutto quello che io ne so.”

La Regina la guardò fissa negli occhi, per iscuoprire ciò che passava nel fondo del suo cuore.

“Noi non ci lasceremo infinocchiare da voi”, disse la Regina. “Voi credete di darcela a bere: ma noi sappiamo benissimo, Principessa, tutto quello che fate dalla mattina alla sera: e queste gioie vi furono regalate, per mettervi su, e per impegnarvi a vendere il regno di vostro padre.”

“Davvero, che sono in uno stato da poter vendere i regni!…”, essa rispose, con un sorriso di sdegno. “Una povera Principessa che languisce nei ferri da tanto tempo, è proprio la persona che ci vuole, per macchinare i complotti di Stato.”

“E come va dunque”, replicò la Regina, “che siete così tutta agghindata, come una civettuola, e che la vostra camera è piena di profumi, e che la vostra persona è così magnifica e risplendente, che a Corte non potreste fare una figura migliore?”

“Ho molto tempo da perdere”, disse la Principessa, “per cui non c’è nulla di strano se ne spendo un poco a farmi bella: ne passo tanto a piangere sulla mia disgrazia, che non c’è ragione di rimproverarmi.”

“Animo, via”, disse la Regina, “vediamo un po’ se questa innocentina, non abbia per caso qualche corrispondenza coi nemici dello Stato.”

E da se stessa si mise a frugare dappertutto: e arrivata al saccone, che ella fece vuotare, ci trovò dentro una quantità così sterminata di diamanti, perle, rubini, smeraldi e topazi, che ella non sapeva raccapezzarsi di dove fossero usciti. E perché aveva fissato dentro di sé di mettere in qualche nascondiglio della stanza alcune carte, che potessero compromettere la Principessa, così quando nessuno ci badava, le nascose nel camminetto; ma per buona fortuna l’uccello turchino, dal posto dove s’era posato, ci vedeva meglio di una lince e udiva ogni cosa; per cui gridò:

“Guàrdati, Fiorina: ecco la tua nemica che ti prepara un tradimento”.

Questa voce così inattesa spaventò la Regina a tal punto, che non osò fare quanto aveva meditato.

“Vedete bene, signora”, disse la Principessa, “che gli spiriti che volano per l’aria, sono tutti per me.”

“Io credo piuttosto”, disse la Regina fuori di sé dalla collera “che ci sieno dei diavoli, che vi vogliono bene: ma, a loro marcio dispetto, vostro padre saprà farsi giustizia.”

“Dio volesse”, esclamò Fiorina, “che io non avessi da temere altro che il furore di mio padre: ma quello che mi spaventa, è il vostro, o signora.”

La Regina se ne andò via tutta sottosopra per le cose che aveva vedute e sentite, e tenne consiglio sul da farsi contro la Principessa. Alcuni consiglieri le fecero notare, che, nel caso che qualche fata o qualche mago avessero preso la Principessa sotto la loro protezione, il vero segreto per irritarli sarebbe stato quello di tormentare più che mai la Principessa; e che, in fin dei conti, bisognava scuoprire a ogni costo la ragione del suo armeggìo. La Regina dette il benestare a questo consiglio: e mandò a dormire nella camera della Principessa una giovinetta, che pareva l’innocenza in persona, col dire che c’era mandata apposta per servirla.

Ma come restar presi a un chiapperello così grossolano?

La Principessa, fin dal primo giorno, la ritenne per una spia e n’ebbe un grandissimo dispiacere.

“Come!”, essa diceva, “io dunque non potrò più parlare a questo uccello turchino, che è tutto l’amor mio? Era esso, che mi aiutava a sopportare le mie sciagure: e io lo consolava nelle sue. Il nostro amore ci compensava di tutto. Che avverrà di lui? che cosa sarà di me?” E pensando a tutto questo, piangeva come una vite tagliata.

Non aveva coraggio di affacciarsi alla finestra, sebbene lo sentisse svolazzare lì dintorno; perché si struggeva dalla voglia di aprirgli, ma temeva di mettere in pericolo la vita del suo caro amante. Passò un mese intero, senza che essa si facesse vedere: e intanto l’uccello turchino si dava alla disperazione, e piangeva e si lamentava da far pietà!

D’altra parte, come poteva fare a vivere, lui, senza la sua Principessa? Non aveva mai provato, come allora, i tormenti della lontananza e quelli della sua metamorfosi. Invano cercava qualche pretesto per consolarsi: dopo essersi lambiccato il cervello, non trovava nulla che valesse a dargli un po’ di conforto.

La spia della Principessa, che da un mese non chiudeva occhio né giorno né notte, si sentì alla fine così presa dal sonno che si addormentò profondamente. Quando Fiorina se ne accorse, aprì la sua finestrina, e disse:

Uccello turchino, color del cielo,
Vola e ritorna subito a me.

Sono queste le sue precise parole, e non c’è stata cambiata una virgola.

Appena l’uccello la sentì, volò subito sulla finestra. Che gioia quando si rividero! e quante cose avevano da dirsi! Mille e mille volte ripeterono le loro tenerezze e i loro giuramenti di fedeltà! La Principessa non poté trattenere le lacrime; l’amante s’intenerì, e fece di tutto per consolarla.

Venuta finalmente l’ora di lasciarsi, senza che la carceriera sorvegliante si fosse ancora svegliata, si dettero l’addio più tenero e più commovente che possa immaginarsi.

La spia si addormentò anche il giorno dopo, e la Principessa, puntuale, andò alla finestra e disse, come la volta avanti:

Uccello turchino, color del cielo,
Vola e ritorna subito a me.

E subito l’uccello venne, e quella notte passò come l’altra avanti, senza rumori e senza improvvisate, con grandissima soddisfazione dei nostri amanti; i quali si figurarono che la sorvegliante avrebbe preso tanto gusto a dormire, da poter ripetere la medesima storia tutte le sere. Di fatto, anche la terza sera passò felicemente: ma alla quarta, la dormigliona avendo sentito un po’ di rumore, senza dar segno di nulla si pose in orecchio; e guardando bene, vide al chiaro di luna il più bell’uccello dell’universo, che stava a parlare colla Principessa, e la carezzava colle zampine e le dava delle beccatine amorose: e fra le altre, sentì molte di quelle cosine che si dicevano fra loro e ne rimase molto maravigliata, perché l’uccello parlava come se fosse un innamorato, e Fiorina gli rispondeva con grande tenerezza.

Sul far del giorno si dissero addio: e quasi il cuore presagisse loro qualche vicina disgrazia, non trovavano il verso di lasciarsi. La Principessa si gettò sul suo letto tutta piangente, e il Re tornò dentro allo spacco dell’albero. La sorvegliante corse dalla Regina, e le raccontò quanto aveva visto e sentito. La Regina mandò a chiamare Trotona e la sua confidente, e dopo un lungo ciarlare conclusero che l’uccello turchino doveva essere il Re Grazioso.

“Che vergogna”, esclamò la Regina, “che vergogna, figlia mia! questa Principessa insolente, che io credeva rifinita dai dispiaceri, se ne sta godendo tranquillamente gli amorosi colloqui del vostro ingrato! Ah! voglio vendicarmi, e la vendetta dev’essere di quelle da ricordarsene per un pezzo.”

Trotona la pregò di non perdere neppure un minuto, e siccome in questa faccenda le pareva di essere più interessata della stessa Regina, così sentiva andarsi in deliquio dalla contentezza, soltanto a pensare al martirio che avrebbero dovuto patire i due disgraziati amanti.

La Regina rimandò alla torre la spia, con ordine di non dar segni né di sospetto né di curiosità; e anzi, di mostrarsi più addormentata del solito. Infatti andò a letto di prima sera, e russava e russava, tanto che la Principessa, ingannata a quel modo, aprì la finestra e disse:

Uccello turchino, color del cielo,
Vola e ritorna subito a me.

Ma invano essa lo chiamò, per quanto fu lunga la notte: ei non comparve mai, perché la trista Regina aveva fatto attaccare ai cipressi delle spade, dei coltelli, dei rasoi, dei pugnali: motivo per cui, quando egli venne a buttarsi a volo su quelle piante, si tagliò i piedi e le ali: e tutto ferito, com’era, arrivò a stento all’albero suo, lasciando dietro a sé una lunga striscia di sangue!

Oh! perché, bella Principessa, non eravate presente per soccorrere l’uccello reale? Ma ella sarebbe morta se l’avesse veduto in quello stato da far compassione!

Fisso nell’idea che questo brutto scherzo gli venisse fatto per colpa di Fiorina, non volle prendere nessuna cura per la sua vita.

“Ah spietata!”, diceva egli dolorosamente, “è così che ricompensi la passione più pura e più tenera, che siasi mai data al mondo? Se volevi la mia morte, perché non domandarmela colla tua bocca? La morte, data da te, mi sarebbe stata cara! Con quanto amore e con quante confidenze io veniva a trovarti! Io soffriva per te, e soffriva senza lamentarmi. Come! e avesti cuore di sacrificarmi alla più crudele di tutte le donne? Essa era la nostra comune nemica, e tu hai fatto la pace con essa a spese mie? Sei tu, Fiorina, sei tu che mi ferisci di pugnale! Tu hai preso in prestito la mano di Trotona e l’hai portata fino al mio cuore!”

Questi funesti pensieri lo angustiarono tanto, che risolvé di morire.

Ma il Mago, suo amico, avendo veduto tornare a casa i ranocchi volanti, col carro, senza avere nessuna notizia del Re, si mise in così gran pensiero che potesse essergli accaduta qualche disgrazia, che fece otto volte il giro della terra per trovarlo; e non lo trovò. Stava per cominciare il nono giro, allorché traversando il bosco, dov’era l’uccello turchino, suonò a distesa il corno, secondo le regole prescritte: e dopo gridò per cinque volte con quanta ne aveva in gola:

“Re Grazioso! Re Grazioso, dove siete voi?”.

Il Re riconobbe la voce del suo migliore amico:

“Accostatevi a quest’albero”, egli disse “e vedrete lo sventurato Re, al quale volete tanto bene, immerso nel proprio sangue!”.

Il Mago, sbalordito, guardò da tutte le parti, senza che potesse veder nulla.

“Io sono l’uccello turchino”, disse il Re con voce sfinita e languente.

A queste parole il Mago lo trovò senza fatica nel suo piccolo nido. Chiunque altro fuori di lui si sarebbe maravigliato molto di più: ma egli conosceva tutti gli artifici della magia. Bastarono poche parole che disse, per far cessare il sangue che grondava ancora: e con alcune erbe trovate nel bosco, e sulle quali mormorò alcune formule magiche, guarì il Re così perbene, che pareva non fosse stato nemmeno graffiato. Quindi lo pregò a volergli raccontare per quale avventura era diventato uccello, e chi l’aveva ferito così crudelmente!

Il Re contentò la sua curiosità, e gli disse che era Fiorina quella che aveva rivelato il mistero amoroso delle visite segrete che ei le faceva, e che per amicarsi la Regina, ella aveva acconsentito a lasciar mettere fra i rami del cipresso i pugnali e i rasoi, che l’avevano tagliato e fatto quasi a pezzetti: si sfogò molte volte sull’infedeltà della Principessa e giurò che avrebbe avuto più caro a morire, piuttosto che conoscere un cuore tanto cattivo. Il Mago, si scatenò contro Fiorina e contro tutte le donne, e consigliò il Re a dimenticarla affatto.

“Che disgrazia sarebbe la vostra”, diss’egli, “se vi ostinaste a voler bene a quell’ingrata! Dopo quello che vi ha fatto, c’è da aspettarsene di tutti i colori.”

L’uccello turchino, su questo punto, non andava d’accordo perché egli era ancora troppo innamorato di Fiorina: e il Mago, che gli leggeva nel cuore, sebbene facesse di tutto per dissimulare i propri sentimenti, gli cantò una canzonetta graziosa che diceva su per giù così:

“Quando si ha nell’anima una grande spina, sono inutili i discorsi e i ragionamenti; si dà retta soltanto al nostro dolore e non ai consigli degli altri. Bisogna lasciar fare al tempo, perché per ogni cosa c’è un momento opportuno, e fino a tanto che questo momento non è arrivato, è inutile tormentarsi lo spirito con ingegnosi ripieghi”.

L’uccello turchino se ne persuase, e pregò l’amico di portarlo a casa sua e di metterlo in una gabbia, dove fosse al sicuro dalle unghie del gatto e da ogni arme pericolosa. Ma saltò su a dire il Mago:

“Vi rassegnate dunque a restare ancora per cinque anni in uno stato così compassionevole e si poco confacente ai vostri interessi e alla vostra dignità? Perché dovete sapere che avete dei nemici i quali giurano e spergiurano che siete morto e vogliono invadere il vostro regno; e ho una gran paura che questo regno lo dobbiate perdere avanti di aver ripreso le vostre vere sembianze”.

“Non potrò andare nel mio palazzo”, egli replicò, “e governare secondo il solito, come facevo prima?”

“Oh!”, esclamò l’amico, “è difficile. C’è chi è contento di obbedire a un uomo, ma non intende obbedire a un pappagallo, c’è chi oggi vi teme, perché siete un Re circondato di grandezze e di fasto, e che domani vi strapperebbe le penne, se vi vedesse trasformato in un uccello.”

“Ah, umana debolezza! oh, prestigio di un brillante esteriore!…”, esclamò il Re, “sebbene tu non significhi nulla per il merito e le virtù, non cessi per questo di avere una potenza affascinatrice, dalla quale è difficilissimo difendersi. Ebbene”, egli continuò, “mostriamoci filosofi, e disprezziamo quello che non si può avere: la nostra risoluzione non sarà delle peggiori.”

“Io non mi do per vinto così alla prima”, disse il Mago, “e spero ancora di trovare qualche buon espediente, che faccia al caso nostro.”

Intanto Fiorina, la povera Fiorina, desolata di non rivedere il Re, passava le giornate e le nottate alla finestra, ripetendo senza tregua:

Uccello turchino, color del cielo,
Vola e ritorna subito a me.

La presenza della sorvegliante non le dava più soggezione; la sua disperazione era arrivata a tal punto, che non aveva riguardi per nessuno.

“Che n’è stato di voi, Re Grazioso?”, esclamava, “forse i nostri comuni nemici vi hanno fatto provare i tristi effetti della loro rabbia? siete forse stato sacrificato al loro furore? Povera me! me meschina! non siete forse più vivo? non potrò dunque rivedervi mai più? Oppure stanco delle mie tante sciagure, m’avete abbandonata alla dura sorte che mi perseguita?”

E quante lacrime e quanti singhiozzi tenevano dietro a questi pietosi lamenti! E come le ore parevano eterne, per la lontananza del caro amante! La Principessa abbattuta, malata, divenuta magra e tale da non riconoscersi più da quella di prima, aveva appena tanto fiato da reggersi in piedi. Ella era persuasa che al Re fosse capitata ogni maggior disgrazia che possa darsi sulla terra.

La Regina e Trotona gongolavano e il piacere di vedersi vendicate era più forte in loro del dolore provato per l’offesa ricevuta. E alla fin fine, qual era poi questa offesa? Il Re Grazioso non aveva voluto sposare una brutta befana, che doveva essergli antipatica e odiosa per mille ragioni.

In questo frattempo il padre di Fiorina, che era in là cogli anni, si ammalò e morì. La fortuna della Regina e della sua figlia allora cambiò d’aspetto; tutti le riguardavano come due imbroglione che avessero abusato del loro ascendente, e il popolo ammutinato corse al palazzo a domandare la Principessa Fiorina, proclamandola per sua sovrana. La Regina irritata voleva trattare la cosa con grande alterigia; si affacciò al balcone e minacciò i rivoltosi. In quel punto, la sommossa diventa generale: si sfondano le porte del suo quartiere, si saccheggia tutto, e la lasciano morta a sassate. Trotona si rifugiò presso la Sussio, perché correva lo stesso pericolo della madre.

I grandi del regno si radunarono subito, e salirono sulla torre dove era la Principessa molto malata. Ella non sapeva nulla né della morte di suo padre, né della brutta fine toccata alla sua nemica. Quando sentì tutto quel rumore credé in buona fede che venissero a prenderla per condurla alla morte. E non ebbe nessuna paura, perché al giorno che aveva perduto l’uccello turchino, la vita per lei era diventata odiosa. Ma i suoi sudditi, gettandosi ai suoi piedi, le dettero a conoscere il cambiamento che era accaduto nella sua fortuna. Ella non se ne fece né in qua né in là. La portarono nel suo palazzo, e lì la incoronarono. Le grandi attenzioni che le furono usate e la passione che aveva di rivedere l’uccello turchino contribuirono molto a farla rimettere in salute e a darle abbastanza forza per nominare un consiglio che avesse cura del regno durante la sua assenza: quindi prese con sé mille milioni di pietre preziose, e una notte se ne partì, tutta sola, senza che alcuno sapesse per dove s’era incamminata.

Il Mago, che aveva preso a cuore gli affari del Re Grazioso, non avendo tanto potere da distruggere l’incantesimo che la Sussio aveva fatto, pensò bene di andarla a trovare e proporle qualche accomodamento, per vedere se ella avesse voluto rendere al Re la sua sembianza naturale; e senza mettere tempo in mezzo attaccò i suoi ranocchi e volò dalla fata, la quale in quel momento stava discorrendo con Trotona.

Da un mago a una fata non c’è un grande stacco. Essi si conoscevano già da circa seicent’anni, e in questo lasso di tempo erano stati fra loro mille volte amici e mille volte si erano guastati.

“Che desidera il mio compare?”, ella gli disse. (È questo il nome che si danno tutti, fra di loro.) “Posso esservi utile in qualche cosa che dipenda da me?”

“Sì, comare mia”, disse il Mago. “Voi potete far tutto per rendermi contento. Si tratta del mio migliore amico: di un Re, che voi avete reso infelice.”

“Ah! intendo, compare”, disse Sussio, “me ne dispiace proprio nell’anima, ma non c’è da sperar grazia per lui, fin tanto che si ostina a non volere sposare la mia figlioccia: eccola qui bella e fresca, come vedete. Ora tocca a lui a decidersi.”

Al Mago gli restò la parola in bocca, tanto la ragazza gli parve brutta: nondimeno non trovava il verso di venirsene via senza aver combinato qualcosa, segnatamente perché il Re, dal giorno che era in gabbia, aveva corso mille pericoli.

Il chiodo, dove la gabbia stava attaccata, s’era rotto: la gabbia era cascata per terra, e sua maestà, colle penne, nella caduta s’era fatto molto male. Il gatto, che si trovava presente a questo caso, gli dette una graffiata nell’occhio, e ci corse poco non l’accecasse. Un’altra volta s’erano scordati di dargli da bere, ed era già a tocco e non tocco di beccarsi una bella pipita, se per fortuna non giungevano in tempo a salvarlo con alcune gocce d’acqua. Un frugolo di scimmiotto, scappato non si sa di dove, gli pettinò ben bene le penne attraverso i ferri della gabbia, strapazzandolo senza nessun complimento, come se fosse stata una gazza o un merlo.

Ma la cosa più triste di tutte era questa: che egli stava a un pelo per perdere il trono, perché i suoi eredi ne inventavano ogni giorno una delle nuove, pur di provare come e qualmente egli fosse morto e morto davvero.

Alla fine il Mago combinò con la comare Sussio, che ella condurrebbe Trotona nel palazzo del Re Grazioso, che lì vi resterebbe alcuni mesi, durante i quali il Re doveva prendere una risoluzione circa allo sposarla: e intanto la fata renderebbe al Re la sua figura naturale, salvo sempre a farlo tornare uccello, nel caso che si fosse ostinato a non voler sposare la sua figlioccia.

La fata diede a Trotona dei vestiti d’oro e d’argento; quindi la fece montare in groppa, dietro a sé, sopra un drago, e si recarono al regno di Re Grazioso, il quale vi giungeva, anche lui, in quello stesso punto insieme al Mago suo amico. Con tre colpi di bacchetta, egli ritornò quello stesso che era stato prima, bello, amabile, spiritoso, magnifico: ma gli costava salata questa diminuzione di penitenza, perché il solo pensiero di sposare Trotona gli metteva i brividi addosso. Il Mago aveva un bel persuadere colle migliori ragioni di questo mondo: ma tutti i suoi discorsi lasciavano il tempo com’era! Il Re si dava meno pensiero delle cure di Stato, che di trovare ogni ammennicolo per mandare in lungo il termine fissato dalla Sussio per le nozze con Trotona.

Intanto la Regina Fiorina, coi capelli tutti sciolti e arruffati apposta per nascondersi il viso, con un cappello di paglia in capo e con un sacco di tela sulle spalle cominciò il suo viaggio un po’ a piedi e un po’ a cavallo, ora per mare, ora per terra. Faceva dappertutto le più minute ricerche: ma non sapendo con certezza che strada prendere, temeva sempre di andare da una parte, mentre il suo Re pigliava da quell’altra.

Un giorno, essendosi fermata sull’orlo d’una fontana le cui acque cristalline rimbalzavano sopra un letto di sassolini minutissimi, le venne voglia di lavarsi i piedi. Si sedé sull’erba, e raccolti e fermati i capelli con un nastro, tuffò i piedi dentro l’acqua. A vederla, c’era da scambiarla con Diana che si bagna di ritorno dalla caccia. In quel mentre passò di lì una vecchierella, tutta ripiegata, la quale si appoggiava a un grosso bastone: si fermò, e le disse:

“Che fate costì, mia bella figliuola? Mi fa male a vedervi sola così!”.

“Non son sola, mia buona nonna”, rispose la Regina, “sono invece in numerosa compagnia, perché ho qui con me un mondo di disinganni, d’inquietudini e di dispiaceri.”

E nel dir così, i suoi occhi si empirono di pianto.

“Come? così giovine, e piangete!”, disse la buona vecchina. “Animo, figlia mia, non vi date alla disperazione. Raccontatemi sinceramente quello che avete, e spero di consolarvi.”

La Regina non se lo fece dire due volte: le raccontò le sue disgrazie, la parte che in tutta questa faccenda vi aveva avuto la Sussio, e finalmente le disse che andava in cerca dell’uccello turchino.

La vecchierella si rizza sulla persona, piglia un altro contegno, cambia improvvisamente di figura e apparisce giovine, bella, magnificamente vestita: poi guardando la Regina con un grazioso sorriso:

“Incomparabile Fiorina”, le dice, “il Re che voi cercate non è più uccello: mia sorella Sussio gli ha rese le sue prime sembianze: e ora trovasi nel suo regno. Non state a tormentarvi più: perché voi arriverete a veder coronate le vostre speranze. Eccovi quattro uova: nei grandi bisogni della vita le romperete, e ci troverete dentro delle cose che vi saranno di un grande aiuto”.

Detto questo, sparì. Fiorina si sentì rinascere a queste parole; ripose le uova nel sacco, e s’incamminò verso il regno di Grazioso.

Dopo aver camminato otto giorni e otto notti, giunse a piè di una montagna d’un’altezza prodigiosa, tutta quanta d’avorio e così tagliata a picco, che non c’era verso di arrampicarcisi sopra, senza cadere.

Ella fece mille sforzi inutili: sdrucciolava, si affaticava; finché, disperata di vedersi di fronte un ostacolo insormontabile, andò a sdraiarsi appiè della montagna, colla ferma risoluzione di lasciarsi morire; quand’ecco che si ricordò degli uovi avuti dalla fata.

Ne prese uno e disse: “Vediamo un po’, se promettendomi i soccorsi de’ quali avessi avuto bisogna, si fosse burlata di me”.

Appena rotto l’uovo, vennero fuori alcuni piccoli ganci d’oro, che ella si attaccò ai piedi e alle mani. E con l’aiuto di questi poté salire senza fatica sulla montagna d’avorio; perché i ganci facevano presa, e le impedivano di sdrucciolare in basso.

Quando fu sulla vetta, ecco nuove difficoltà per incominciare a calare al piano: perché tutta la vallata non era altro che un grandissimo specchio di cristallo.

Vi erano lì dintorno più di sessantamila donne, che si miravano in esso con grandissimo diletto, perché bisogna sapere che lo specchio aveva dieci chilometri di larghezza e venti di lunghezza.

Ciascuna vi si vedeva riflessa secondo il suo desiderio: quella di capelli rossi appariva bionda: la vecchia si vedeva giovine: la giovine pareva anche più giovine; in una parola, questo specchio nascondeva così bene i difetti, che le donne correvano a specchiarvisi dalle cinque parti del mondo. Bisogna aver visto le smorfie e i bocchini tondi, che facevano la maggior parte di quelle civettuole; c’era da scoppiar dalle risa. E non per questo gli uomini ci si affollavano in minor numero: perché lo specchio faceva un gran comodo anche a loro. A chi regalava bellissimi capelli: a chi un personale alto ed elegante, o una cert’aria marziale, o una fisionomia simpatica e bella. Essi ridevano delle donne e le donne non se ne stavano dal ridere alle loro spalle: per cui la montagna veniva chiamata con molti nomi differenti. Nessuno era stato mai capace di toccarne la cima: e quando vi scorsero Fiorina, le donne si messero tutte a strillare come tante calandre:

“Dove va mai quella sfacciata?”, dicevano esse. “Quella lì dev’essere tanto imprudente, da mettere i piedi anche sul nostro specchio. Vedrete che dopo pochi passi, ce lo manderà in bricioli.”

E così facevano un diavoleto da cavar di cervello.

La Regina non sapeva come fare, perché vedeva un gran pericolo nel dovere scendere da quella altezza: allora ruppe un altr’ovo, dal quale uscirono fuori due piccioni e un cocchio, che tutt’a un tratto diventò tanto grande, da poterci entrar dentro comodamente: e in questo modo i piccioni con molta leggerezza calarono giù al basso la Regina, senza che accadesse nulla di male.

Ella disse ai suoi bravi piccioni:

“Miei piccoli amici, se voi sarete tanto cortesi di portarmi fino sul posto dove il Re Grazioso tiene la sua corte, non troverete in me un’ingrata”.

I piccioni, cortesi e obbedienti, volarono giorno e notte finché non furono arrivati alle porte della città. Così Fiorina smontò, e diede a ciascuno di essi un dolcissimo bacio, che costava più di una corona reale.

Oh, come le batteva il cuore, mettendo il piede in città!

Per non essere riconosciuta, si insudiciò il viso; e chiese a quelli che passavano per la strada, dove avrebbe potuto vedere il Re. Alcuni si messero a ridere. “Vedere il Re?”, le dicevano, “davvero eh! e che vuoi tu da lui, mio bel Muso-sudicio? Vai, vai piuttosto a lavarti: perché i tuoi occhi non sono degni di vedere un gran monarca a quel modo.” La Regina non rispose: si allontanò pian piano: e tornò daccapo a domandare a quelli che incontrava, dove avrebbe potuto mettersi per vedere il Re.

“Domani deve venire al tempio con la Principessa Trotona”, le risposero, “perché finalmente ha consentito di sposarla.”

“Cielo, quale notizia! Trotona, l’indegna Trotona sul punto di sposare il Re!”, Fiorina credette di morire e non aveva più fiato né per parlare né per andare avanti. Entrò sotto una porta, e sedutasi sopra una pietra, col viso coperto dai capelli e dal suo cappello di paglia, cominciò a dire:

“Sfortunata che io sono! Eccomi venuta qui per far più bello il trionfo della mia rivale e per vedere coi miei occhi la sua contentezza! Fu dunque a cagione di lei, che l’uccello turchino non venne più a vedermi? Era dunque per quella brutta strega, che mi faceva la più nera di tutte le infedeltà, mentre io, rifinita dal dolore, mi logorava dalla passione per la conservazione dei suoi giorni? Il traditore s’era cambiato… Ricordandosi di me, come se non m’avesse visto mai, lasciava che io mi struggessi per la sua lontananza, senza darsi punto pensiero della mia!…”.

Quando si ha il cuore grosso dai dispiaceri, è raro che si senta il bisogno di mangiare. La Regina cercò un po’ di albergo: e si coricò, senza prendere un boccone. Si alzò col sole e corse al tempio; ma prima di poterci entrare dové subire molte manieracce dalle guardie e dai soldati. Vide il trono del Re e quello di Trotona, che era già considerata come Regina. Che dolore per un’anima sensibile e appassionata, come quella di Fiorina! Si avvicinò al trono della sua rivale, e lì stette in piedi, appoggiata a una colonna di marmo. Il Re arrivò il primo, più bello e più amabile di quello che fosse stato mai in tutta la vita. Trotona venne dopo, vestita con gran magnificenza, ma brutta da far paura. Ella guardò la Regina con un certo cipiglio “E chi sei tu”, le disse, “che ardisci di avvicinarti alla mia augusta persona e al mio trono d’oro?”

“Io mi chiamo Viso-sudicio”, diss’ella, “son venuta di lontano per vendervi delle cose rare.”

E cominciò a frugare nel suo sacco di tela, e tirò fuori i braccialetti di smeraldo che il Re Grazioso le aveva regalati.

“Oh! oh!”, esclamò Trotona, “carini codesti pezzi di bicchiere; me li vendi per cinque soldi?”

“Fateli prima vedere a chi se ne intende, o signora, e poi sul prezzo ci accomoderemo.”

Trotona, che amava il Re con maggior tenerezza di quel che poteva attendersi da quella foca, e non le pareva vero di trovare delle occasioni per parlargli, si avanzò fino al trono di lui e gli mostrò i braccialetti, pregandolo a dire il suo sentimento. Alla vista di quei braccialetti, egli si ricordò di quelli che aveva dato a Fiorina: diventò bianco, sospirò, e stette per un po’ di tempo senza rispondere: alla fine, temendo di far vedere il turbamento dell’animo, fece su di sé un grande sforzo e rispose:

“Questi braccialetti, secondo me, valgono quanto tutto il mio regno: credevo che nel mondo ve ne fosse un paio solo; ma ora vedo che ce ne sono degli altri”.

Trotona tornò sul suo trono, dove ci faceva la figura di un’ostrica attaccata al suo guscio; e chiese alla Regina quanto, senza rubare, avrebbe preteso de’ suoi braccialetti.

“Se doveste pagarmeli, o signora, vi sarebbe d’un grande scomodo: vi propongo piuttosto un altro patto. Ottenetemi il favore di dormire una notte nella sala degli Echi, che è nel palazzo del Re, e io vi cedo gli smeraldi.”

“Magari, Viso-sudicio!”, disse Trotona, buttandosi via dalle risate come una sguaiata, e mostrando certi denti più lunghi di quelli d’un cinghiale.

Il Re non si dette pensiero di sapere di dove venivano quei braccialetti, un po’ perché gli era indifferente la venditrice (che non destava davvero nessuna curiosità), ma segnatamente per il disgusto invincibile che provava a discorrere con Trotona. Ora bisogna sapere, che in quel tempo che egli era sempre uccello turchino, una tal volta gli era venuto fatto di raccontare alla Principessa come proprio sotto al suo quartiere reale c’era una piccola sala che si chiamava la sala degli Echi; costruita in un modo così ingegnoso, che tutto ciò che vi si diceva sottovoce, era sentito benissimo dal Re quando si trovava a letto nella sua camera; per cui Fiorina non poteva immaginare un miglior mezzo di questo, per potergli rimproverare la sua infedeltà.

Per ordine di Trotona la condussero nella sala degli Echi, dov’ella dette principio ai suoi lamenti e ai suoi rimproveri così:

“La sciagura, alla quale non voleva credere, pur troppo è certa, barbaro uccello turchino! tu ti sei scordato di me: tu ami la mia indegna rivale. I braccialetti, che ebbi dalla tua mano reale, non furono capaci di richiamarmi alla tua memoria: tanto io sono lontana dal tuo pensiero!”.

E qui i singhiozzi le tolsero la parola: quand’essa riebbe fiato da parlare, ricominciò daccapo e continuò fino alla mattina. I camerieri, avendola sentita piangere e sospirare tutta la notte, andarono a raccontarlo a Trotona: la quale le domandò la ragione di tutto il lamentìo che aveva fatto. La Regina rispose che aveva dormito profondamente e che dormendo le accadeva per il solito di sognare e di parlare a voce alta.

Quanto al Re, per una strana fatalità non aveva sentito nulla: e questo derivava, perché dal giorno che incominciò la sua passione per Fiorina, aveva perduti i sonni; e quando la sera andava a letto, gli davano dell’oppio per farlo riposare.

La Regina passò una gran parte del giorno così inquieta, da non potersi dir quanto. “Se mi ha sentito”, diceva fra sé, “come si può dare al mondo un’indifferenza più atroce della sua? Se poi non mi ha sentito, in qual altro modo potrò far giungere la mia voce fino a lui?” Gioielli e cose d’arte veramente rare e straordinarie non ne aveva più: perché le pietre preziose sono sempre belle, ma ci bisognava qualcosa che sapesse stuzzicare il gusto di Trotona. Allora ricorse ai suoi uovi e ne ruppe uno. Ecco che scappò subito fuori una carrozzina d’acciaio lustro, tutta ornata di fregi d’oro in rilievo; alla carrozzina erano attaccati sei sorci verdi, guidati da un grosso topo color di rosa, mentre il battistrada, anch’esso della famiglia topesca, era d’una bella tinta grigio-perla. Dentro alla carrozza c’erano quattro marionette più vispe e più graziose di quelle che si vedono sui teatrini alle grandi fiere di Padova e di Sinigaglia, e facevano delle cose molto sorprendenti, in specie due piccole egiziane, le quali ballavano la sarabanda e il minuetto meglio di tutte le ballerine della Pergola e della Scala.

La Regina rimase a bocca aperta a vedere questo capolavoro dell’arte negromantica: ma non fece motto fino alla sera, che era l’ora che Trotona andava alla passeggiata. Allora si mise in un viale a far galoppare i suoi sorci che tiravano la carrozza, gli altri topi e le marionette. Questa novità fece tanta meraviglia a Trotona, che cominciò a gridare:

“Viso-sudicio! ehi, Viso-sudicio! li vuoi cinque soldi per la tua carrozza e per il tuo equipaggio topinesco?”.

“Domandate ai letterati e ai sapienti di questo regno”, disse Fiorina “che cosa può valere una meraviglia simile, e io me ne starò al parere del più capace fra loro.”

Trotona, prepotente in ogni cosa, rispose:

“Non mi star più a stomacare colla tua sudicia presenza; dimmi il prezzo, e finiscila”.

“Dormire ancora un’altra volta nella sala degli Echi”, disse Fiorina, “ecco tutto quello che vi domando.”

“Va’, povera bestia”, replicò Trotona, “non ti sarà negato.” E voltandosi alle sue dame, disse: “Questa stupida creatura non sa ricavare nessun guadagno dalla vendita di tante belle rarità!”.

Venne la notte.

Fiorina disse tutto quello che si può immaginare di più tenero e di appassionato, ma fu lo stesso che dirlo al muro, come la notte avanti, perché il Re non lasciava mai di prendere la sua solita bevanda coll’oppio. I camerieri dicevano fra loro:

“Questa campagnola, non c’è caso, dev’esser grulla: che cos’è tutto questo cicalìo che fa la notte?”.

“Peraltro”, osservavano alcuni, “nelle cose che dice, c’è del buon senso e della passione.”

Fiorina aspettò colla febbre addosso che venisse il giorno, per vedere l’effetto prodotto da’ suoi discorsi.

“Pur troppo”, essa diceva, “questo spietato è diventato sordo alla mia voce! Non riconosce più la voce della sua cara Fiorina? Ah! che vergogna, ostinarsi ancora a volergli bene! Egli mi disprezza, e me lo merito. Sì, mi sta bene.”

Però tutti questi ragionamenti tornavano inutili. Ella non poteva guarire della sua passione.

Nel sacco non le rimaneva che un solo uovo, dal quale potesse sperare qualche soccorso. Lo ruppe e ne uscì fuori un pasticcio di sei uccelli lardellati, cotti e benissimo rosolati; eppure, con tutto questo, cantavano da innamorare, predicavano la buona ventura e sapevano di medicina meglio di Esculapio. La Regina restò stupita di una cosa tanto meravigliosa, e se ne andò col suo pasticcio parlante nell’anticamera di Trotona.

Mentr’essa aspettava di poter passare, uno de’ camerieri le si avvicinò e le disse:

“Ma non sapete, mio bel Viso-sudicio, che se il Re non pigliasse l’oppio per dormire, voi lo cavereste di cervello con tutto il chiacchierio che fate nella notte?”.

Fiorina allora capì subito la ragione perché il Re non l’aveva udita, e disse al cameriere:

“Sono tanto sicura di non disturbare i sonni del Re, che stasera, nel caso che io dorma nella sala degli Echi, se non gli darete nemmeno una goccia d’oppio, tutte queste perle e diamanti saranno per voi”.

Il cameriere accettò e dette la sua parola.

Dopo pochi minuti arrivò Trotona e vide la Regina che faceva finta di voler mangiare il suo pasticcio.

“Che cosa fai costì, Viso-sudicio?” le disse.

“Signora”, rispose Fiorina, “son qui che mangio astrologhi, musici e dottori di medicina.”

In quello stesso momento gli uccelli cominciarono a cantare dolcemente, come tante sirene; poi gridavano: “Buttateci una piccola moneta d’argento e vi diremo la buona ventura”, Un anatrotto, che torreggiava sugli altri, disse più forte di tutti: “Qua, qua, qua, qua; io sono medico, io guarisco la gente da tutti i mali e da tutte le pazzie, fuori che da quella d’amore”.

Trotona sbalordita da questo portento non veduto mai in vita sua, gridò, sagrando come un vetturino:

“Affeddìo, che bel pasticcio! Lo voglio per me. Qua, Visosudicio: quanto ne chiedi?”.

“Il solito prezzo”, ella disse, “dormire nella sala degli Echi, e nient’altro.”

“Sta bene, e ti voglio dar per giunta anche questa moneta”, disse Trotona, fuor di sé dall’allegrezza di avere avuto il pasticcio. Fiorina se ne va via ringraziando, tutta contenta per la speranza che questa volta il Re avrebbe sentita la sua voce.

Appena venne la notte, ella si fece condurre nella sala degli Echi, colla passione che la struggeva che il cameriere mantenesse la parola e che, invece di dare al Re il solito oppio, gli mettesse innanzi qualche altra bevanda da tenerlo desto; quando poté figurarsi che tutti dormissero, ella ricominciò i suoi pietosi lamenti:

“A quanto pericolo non sono io andata incontro”, ella diceva, “per venirti a cercare, mentre tu mi fuggi e vuoi sposare Trotona! Che t’ho io fatto, crudele, per scordarti così i tuoi giuramenti? Rammentati almeno qualche volta della tua metamorfosi, del mio amore e dei nostri teneri colloqui!”.

Ella ripeté questi colloqui a uno a uno, e con tanta fedeltà di memoria, da far vedere che per lei non c’era altra cosa al mondo che le fosse più cara di questi ricordi.

Il Re non dormiva punto, e sentiva così distintamente la voce di Fiorina e tutte le sue parole, che non sapeva raccapezzarsi da dove venissero: ma il suo cuore, teneramente commosso, gli fece ricordare così al vivo l’immagine della sua incomparabile Principessa, che nel trovarsi ora diviso da lei sentì il medesimo dolore di quando i coltelli lo ferirono fra i rami del cipresso. E anch’esso si mise a parlare sullo stesso tono della Regina, e disse:

“Ah! Principessa troppo crudele per un amante che vi adorava! com’è egli mai possibile che mi abbiate sacrificato ai nostri comuni nemici?…”.

Fiorina udì le cose che il Re diceva, e non si stette dal rispondergli e dal fargli sapere che s’egli avesse voluto degnarsi di chiamare presso di sé Viso-sudicio, avrebbe potuto aver la spiegazione di tanti misteri, fin allora inesplicabili per lui.

A queste parole il Re, impaziente, chiamò uno dei suoi camerieri, e gli disse se fosse stato possibile di trovargli subito Viso-sudicio e di condurgliela lì. Il cameriere rispose che la cosa poteva farsi in un batter d’occhio, perché Viso-sudicio era a dormire nella sala degli Echi.

Il Re non sapeva che cosa si pensare. Come poteva mai figurarsi che una sì gran Regina, come Fiorina, potesse trovarsi trasfigurata a quel modo? E come credere che Viso-sudicio avesse la voce della Regina e conoscesse tutti i suoi segreti più intimi, se ella non fosse stata la Regina stessa? Tormentato da questi sospetti si alzò dal letto, si vestì in fretta e furia, e per una scaletta segreta scese nella sala degli Echi. La Regina aveva levata la chiave: ma il Re ne aveva una che apriva tutte le porte del palazzo.

La trovò vestita con una veste leggerissima di seta bianca, che essa era solita portare sotto i suoi panni sudici e strappati; i suoi bellissimi capelli le scendevano per le spalle; era distesa sopra un canapè, e una lampada, in lontananza, mandava all’intorno un pallido sbattimento di luce. Il Re entrò dentro all’improvviso; e la passione dell’amore vincendo tutti i suoi risentimenti, appena l’ebbe riconosciuta, andò a gettarsi a’ suoi piedi, le bagnò le mani del suo pianto e credette di morire di gioia, di dolore e di mille pensieri diversi che, tutti in una volta, gli si affollarono alla memoria.

La Regina non fu meno commossa di lui; ed ebbe una tal serratura al cuore, che sentiva mancarsi il respiro. Ella guardava fisso fisso il Re, senza dir parola; e quand’ebbe la forza di poter parlare, non ebbe quella per fargli dei rimproveri. La gran contentezza di rivederlo le fece dimenticare per un momento tutte le ragioni, che essa credeva fondatissime, di lagnarsi di lui. Alla fine ogni cosa venne in chiaro, tutti e due a vicenda si trovarono giustificati; il loro amore riprese al disopra, e l’unica spina, che ormai li tormentasse, era la fata Sussio. Ma in questo frattempo giunse il Mago, grande amico del Re, in compagnia d’una famosa fata, la quale era appunto quella che aveva dato le quattro uova a Fiorina. Scambiati i primi complimenti d’uso, il mago e la fata dissero chiaro e tondo che essendosi trovati d’accordo a riunire i loro poteri in favore del Re e della Regina, la fata Sussio non poteva far altro che un bel nulla contro di essi; e che per conseguenza non c’erano più ostacoli per mandare in lungo le loro nozze.

Ci vuol poco a figurarsi l’allegrezza dei due giovani amanti. Appena si fece giorno, la voce si sparse per il palazzo, e tutti furono contenti di vedere la bella Fiorina. Il rumore di questa notizia essendo arrivato fino agli orecchi di Trotona, questa corse subito dal Re: e come rimase brutta, quando gli vide al fianco la sua odiata rivale! Mentre stava per aprir bocca e per dir loro un sacco di vituperi, il mago e la fata la trasformarono in una maiala, perché così le rimanesse un poco della sua fisionomia e del suo brutto vizio di grugnire. Ella fuggì via, grugnendo sempre fin giù nel cortile, dove fu accolta da uno scoppio di risate, che la messero all’ultima disperazione.

Il Re Grazioso e la Regina Fiorina, liberati finalmente dalla presenza di una così odiosa persona, non pensarono più che a festeggiare le loro nozze: le quali spiccarono per buon gusto e magnificenza: e c’è da immaginarsi facilmente la felicità dei due sposi, dopo tanti dispiaceri e tante traversie.

Domandatelo al Re Grazioso, ed egli vi risponderà: meglio diventare uccelli turchini, corvi e anche anatre palustri, piuttosto che sposare una Trotona, alla quale non si voglia bene.

Peccato che non si trovi sempre un mago o una fata per mandare a monte tanti matrimoni, dove l’amore non c’entra per nulla!

Annamaria… a dopo

10 COSE DA LASCIARE ANDARE PRIMA CHE INIZI IL NUOVO ANNO


Prepararsi al nuovo anno
La fine dell’anno è il momento ideale per lasciare andare schemi di pensiero, paure e relazioni che non fanno più per te.

Mentre ci avviciniamo alla fine del 2017, può darsi che tu avverta un cambio energetico. Dicembre è un mese importante perché definisce lo scenario per il prossimo anno. Usa questo periodo per riflettere sui tuoi obiettivi e per focalizzarti sul come raggiungerli con chiarezza.

Se ti senti appesantita da particolari persone o situazioni, usa consapevolmente questo periodo per creare fondamenta più forti per la tua vita, il che significa andare via dalle cose che ti tirano giù.
Questo è un momento ideale per lasciare andare vecchi schemi di pensiero, paure, relazioni e situazioni che non fanno più per te. Questo tempo è cruciale perché segna la chiusura dell’anno che sta finendo e ci prepara al Nuovo Anno.

Invece di impiegare il tempo su quello che non ha funzionato, investi la tua energia in ciò che sta funzionando e focalizzati su quello che desideri. Compi azioni deliberate nella direzione di questi obiettivi e vedrai le cose cambiare rapidamente.

Nello spirito di preparazione al nuovo anno e del lasciare andare ciò che non ti serve più, ecco 10 cose da abbandonare prima che inizi il 2018.

Smetti di pensare di non essere al punto della tua vita in cui avresti dovuto essere.
Tutto ciò che hai fatto ti ha aiutata a diventare la persona che sei chiamata ad essere.

Lascia andare gli schemi di pensiero che ti stanno trattenendo dall’evolvere.
E’ ora di raccontare a te stessa una storia più positiva.

Lascia andare l’idea che tutte le sfide siano a lungo termine.
Tutti gli ostacoli sono solo temporanei, ma le lezioni che impari sono per sempre.

Lascia andare l’idea che tutto sia già stabilito.
Ciò che oggi non ha senso ne avrà poi.

Lascia andare l’idea che le cose non stiano funzionando per te.
Tutto è molto meglio di quanto pensi.

Smetti di chiederti “PERCHÉ” stia accadendo a te.
Chiediti invece cosa puoi imparare dalla situazione.

Lascia andare il bisogno di controllare il risultato.
Può darsi che tu non ottenga quello che vuoi, ma abbi fiducia che otterrai sempre ciò di cui hai bisogno, quando ne avrai bisogno.

Smetti di identificarti con i tuoi errori.
Non ci sono errori, ma solo crescita.

Lascia andare il bisogno di avere ragione.
Dimostrare che gli altri hanno torto non ti rende migliore. Invece, focalizzati sulla tua interiorità ed allineati all’amore. Quando hai fiducia nelle tue scelte, non devi dimostrare nulla.

Smetti di pensare che sia troppo tardi per te.
I tuoi sogni contano e sono tali per una ragione. Segui il tuo cuore e sarai libera.


E tu? Qual è la cosa che più di tutte vuoi lasciare andare nel nuovo anno?

***

By -Costellazione.eu-Shannon Kaiser

Annamaria… a dopo

 

PER LA PROSSIMA CAMPAGNA ELETTORALE SERVE INFORMAZIONE CORRETTA

Ai partiti, ai movimenti, ai giornalisti, ai cittadini, si avvicinano le elezioni politiche. Vi rivolgo gentilmente un invito,  fare un’informazione e una campagna elettorale corretta, sincera, trasparente e rispettosa.

Faccio alcune considerazioni e proposte per cercare di migliorare la nostra società, la nostra bella Italia, per Europa e per il bene comune.

1)      Cari partiti e persone candidate a governare l’Italia, la moralità, nel nostro paese va messa al primo posto nella campagna elettorale, per combattere le mafie, la corruzione, l’evasione fiscale, la fuga di capitali all’estero, il caporalato, il lavoro nero.

2)      Sanità, il servizio sanitario nazionale, vanno applicati a pieno i suoi principi universalistici, di uguaglianza di trattamento su tutto il territorio nazionale, e, siano applicati anche i suoi obiettivi, di prevenzione cura e riabilitazione. Vanno eliminati anche gli sprechi  clientelari, su appalti di strutture servizi e convenzioni. Potenziare e migliorare la sanità pubblica, con interventi più efficaci ed efficienti per migliorare tutti i servizi e prestazioni sanitarie, superando le scandalose liste di attesa. Poi un tempestivo miglioramento dei pronto soccorso, per il superamento dei disagi di attese insopportabili per gli ammalati, per le automobili , parcheggi gratuiti negli ospedali, un forte potenziamento dell’assistenza domiciliare, infermieristica e sanitaria.

3)      Istruzione e formazione scuole, qualcosa negli ultimi anni è stato fatto, però bisogna fare di più e meglio, portare la scuola dell’obbligo a 18 anni, più collegamento con il mondo del lavoro, la materia d’educazione civica obbligatoria, più preparazione degli insegnanti su problematiche specifiche, per gli studenti che hanno qualche difficoltà di apprendimento, dislessia e altre. Poi mettere in sicurezza tutti gli edifici scolastici e investire di più nella cultura, nella ricerca e per i nostri beni culturali.

4)      Rispetto dell’ambiente, puntare a un piano casa per mettere tutte le abitazioni in sicurezza, da terremoti, frane, alluvioni e obbligo di avere un’assicurazione sulle calamita naturali. Fare un piano di prevenzione  interventi mirati su tutto il territorio nazionale, con il coinvolgimento dei comuni, per il rispetto e la salvaguardia dell’ambiente per evitare il più possibile, incendi, frane, alluvioni, favorire con incentivi economici, l’agricoltura delle  nostre colline, montagne e zone abbandonate.

5)      Sicurezza, in casa, sui posti di lavoro, sul territorio, nelle città e sulle strade, il valore della vita sia sempre la priorità nella programmazione di governo,  dare più mezzi moderni, alle forze pubblic+he addette ai controlli, poi un centro unico di coordinamento e più preparazione, poi ci vogliono più controlli e fermezza nel far rispettare le leggi, i codici, le regole.

6)      Lavoro, per i giovani e meno giovani, progetti nazionali e locali per favorire la creazione di posti di lavoro, per avere più lavoro e meno assistenzialismo, coinvolgendo  associazioni, industrie , artigianato, commercio,  sindacati e istituzioni a ogni livello.

7)      Viabilità, vanno potenziati  e migliorati i mezzi di trasporto pubblici, treni, metropolitane, poi  il superamento dei grandi disagi dei passeggeri in particolari i pendolari, e abbonamenti agevolati.

8)      Informazione, bisogna che le forze di sicurezza e di controllo e servizi segreti, mettano in atto velocemente una strategia per smascherare le notizie false, offensive nei confronti di persone, partiti e altre organizzazioni. Le falsità possono disgregare la società e la nostra convivenza civile, o addirittura la nostra democrazia italiana ed  europea. Qui rivolgo un appello ai partiti, fate della campagna elettorale l’occasione per fare e dimostrare un’ informazione bella, limpida, veritiera, onesta , trasparente, che parli dei programmi, dei contenuti, dentro una buona e sana politica. Avrete sicuramente più credibilità e più stima, da parte dei cittadini, credetemi la gente non  ha bisogno di polemiche.

9)      Ci   sarebbe bisogno di introdurre un servizio civile obbligatorio in Italia, sia per le ragazze che ragazzi, per dare loro la possibilità, di fare esperienze di formazione  di lavoro sociale e civile.

10)   Un piano d’informazione educazionale per la prevenzione  dell’uso di alcool e droghe, per portare i nostri giovani e meno giovani  alla consapevolezza della tossicità e dei danni che provocano alla salute, alla vita, danni per la società, per le famiglie, favoriscono incidenti stradali, infortuni sul lavoro,  conflitti interpersonali,e famigliari.

11)   Un piano per avere più servizi sociali sul territorio, per le persone più deboli,  più attenzione ai diversamente abili e anziani non autosufficienti, con migliori aiuti assistenziali ed economici in particolare a chi li assiste in casa,  in famiglia, con assistenza domiciliare, infermieristica e sanitaria. Poi una preparazione professionale obbligatoria per le badanti. Questi e altri problemi che ho elencato la gente ha bisogno che vengano migliorati e risolti, per il bene dell’Italia, della società, per il bene di tutti i cittadini e per il bene comune.

Francesco Lena

“LE SIMPATICHE CANAGLIE”

PERCHE’ ALLE DONNE PIACCIONO TANTO “LE SIMPATICHE CANAGLIE”?

 

Enzo-Ducky

Enzo:              Duc, sai che noi uomini piacciamo alle donne?

Ducky:            Non ti sforzare. Hai detto una scemata.

Enzo:              Non è una cretinata. Anche le donne piacciono a noi uomini. Ovvio!

Ducky:                        Dove vuoi parare?

Enzo:              …che a volte non è la normalità a piacere alle donne.

Ducky:            Credo di aver capito. A volte le donne si innamorano degli scorfani, dei brutti, mi riferisco in particolare  a  personaggi spavaldi, odiosi insomma  detti anche quali “simpatiche canaglie” che posseggono più difetti che pregi.

Enzo:              Hai afferrato in pieno. Non ti solletica questa strana realtà?

Ducky:                        Ho capito. Sono pronto. Ma prima prendiamoci un caffè.

 

Dopo pausa caffè

 

Enzo:              Quante volte al cinema abbiamo tifato per il gangster anziché per il poliziotto? Oppure abbiamo provato simpatia per gli sportivi più indisciplinati? Il palcoscenico cinematografico e quello della vita ci offrono molteplici personaggi, fittizi o reali, che fanno della spavalderia, della spregiudicatezza e del disprezzo per le regole i loro punti di forza e che con questi atteggiamenti conquistano i cuori.

Ducky:            Vero, ma perché avviene ciò?

Enzo:              Per gli psicologi, in una società pervasa da ansie, paure e difficoltà, il cattivo è l’individuo  sicuro di sé che staglia sopra ogni regola e convenzione guadagnandosi il successo e il rispetto altrui. Molte scuole di pensiero, inoltre, ritengono che in tutti covi questo desiderio di trasgressione ed evasione dagli schemi sociali convenzionali, che la situazione lavorativa, familiare e sociale spesso non permette di realizzare. Allora ci si immedesima inconsciamente nei “cattivi” di successo.

Il bisogno umano di rappresentare il male  e’ sempre vivo nell’arte e nella letteratura. In fondo,  dalle tragedie greche in poi tutta l’arte gira intorno al male. E’ un bisogno che abbiamo sin da piccoli, persino nelle fiabe e nei cartoni animati: se non c’è un personaggio cattivo, i bambini si annoiano.  Del resto, per creare la trama di un romanzo di qualsiasi narrazione bisogna  inventare un evento o uno o più personaggi negativi; lo stesso Alessandro Manzoni non avrebbe potuto costruire la trama de  I promessi Sposi senza il malvagio Don Rodrigo.

Ducky:            In linea generale mi è chiaro tutto, in particolare quali sono i tipi che piacciono alle ciucc….scusa alle donne?

Enzo:              Gi psicologi hanno tracciato il seguente quadro: i tratti che sono emersi sono:

– spavalderia, narcisismo,, spregiudicatezza, trasgressione, volontà di potere e di successo: connotati di persone antisociali che tuttavia fanno colpo sulle donne. Esempio ve ne sono: Fabrizio Corona- Attualmente in carcere per reati fiscali, è il tipico “cattivo ragazzo” che piace alle donne;  Renato Vallanzasca, l’ergastolano che ha ricevuto  centinaia di lettere d’amore.  Condannato a 4 ergastoli e a un totale di 295 anni di reclusione, mieteva cuori femminili a tutto andare per il suo aspetto avvenente.  Studiosi statunitensi hanno appurato che “lo stereotipo dell’uomo  “bastardo” funziona sempre e in tutte le culture.

Renato Vallanzasca

Ducky:            Roba da non credere.

Enzo:              Duc, ma non finisce qui la casistica. C’è un altro tipo di “cattivo”.

Ducky;            Ah sì, e quale?

Enzo:              “O’ sciupafemmine”, il simpatico mascalzone di cui le donne si sono sempre innamorate, ma siamo su un piano più superficiale, esempi Clark Gable, Al Pacino, scanzonati e un pò ironici.

 

Ducky:            Enzo, ma i cattivi sono sempre gli uomini?

Enzo:              Assolutamente no. Ogggiorno, il “cattivo” è spesso di genere femminile. Un caso classico nella clinica è quella della “donna vampiro”, così definita perché seduce l’uomo, lo lega a sé attraverso la seduzione e gli succhia l’anima facendolo stare male…

Ducky:            …ah sì ma che vai raccontando?  Ma se si succhia l’anima a una persona…lo facciamo stare male?

Enzo:              Tu capisci sempre alla rovescia, come ti capisco, Duc, e come ti ho capito io ti ha capito anche OB.  O no?  Mi viene un dubbio!

 

Ducky:            Quasi quasi comincio a dubitare anch’io.

Enzo e Ducky:           Dubitiamo insieme!

O.B                   Il mio dubbio era se cancellare o meno  la parte finale di Duck ma considerando la libertà di pensiero ho deciso di lasciarvi nella certezza del dubbio…

 Fonte: Airone

Enzo & Annamaria