AVVILINATA

L’autru iornu mentri ti taliava ‘ntà nà fotografia
Stava pinsannu, a me vita passata senza di Tia.

Quannu passiavu sutta u tò barcuni
Spirannu ca Tu mi taliassi sutta ddù lampiuni.

Quannu a notti mi ‘nsunnava sulu a Tia
E a matina quasi sempri poi ciancìa.

Quannu o travagghiù propriu nun ci pinsava
E da matina a sira, ntà strata granni, sempri passiava.

Quannu cuntava tutti li mattonelli di la chiazza
Spirannu di ‘ncuntrari a Tia, almenu, ppi nà carizza.

Quannu mentri chiuvia e lampiava
La sirinata, sutta l’acqua, dintra lu me cori, ti cantava.

Quannu poi disgraziata ti maritasti
Mancu l’invitu o la partecipazioni mi mannasti.

Quannu ppì la dispirazioni mi vulia ammazzari
Nun truvai u curaggiu e tirai a campari.

Quannu ppì nun moriri giovani campai
Senza desideriu e senza spiranza… ma t’aspittai.

Quannu ti pinsava assicutannu santocchie e prostitute
Fimmini schette e maritate

Quannu pinzava a la me vita disgraziata
Ca senza di Tia scurriu tristi e AVVILINATA.

TRADUZIONE

AVVELENATA

L’altro giorno mentre ti guardavo in una fotografia
Stavo pensando alla mia vita senza di Te.

Quando passeggiavo sotto il tuo balcone
Sperando che Tu mi guardassi sotto quel lampione.

Quando la notte sognavo solo Te
E la mattina quasi sempre poi piangevo.

Quando al lavoro proprio non ci pensavo
A dalla mattina alla sera, sulla strada grande, sempre passeggiavo.

Quando contavo tutte le mattonelle della piazza
Sperando di incontrare Te, almeno, per una carezza

Quando mentre pioveva e lampeggiava
La serenata sotto l’acqua, dentro il mio cuore, ti cantavo.

Quando poi disgraziata ti sposasti
Nemmeno l’invito o la partecipazione mi mandasti.

Quando per la disperazione mi volevo ammazzare
Non trovai il coraggio e tirai a campare.

Quando per non morire giovane ho vissuto
Senza desiderio e senza speranza… ma ti aspettai.

Quando ti pensavo corteggiando sante e prostitute
Donne nubili e sposate.

Quando pensavo alla mia vita disgraziata
Che senza di Te trascorse triste e AVVELENATA.

TOTO’ MIGLIORE