EPPUR SI TRADISCE

Infedeltà maschile e infedelta’ femminile

Enzo Ducky

Enzo:         Ducky, negli ultimi vent’anni…

Ducky:       Scusa, mi lasci prendere questo delizioso caffè?

Enzo:         Oh scusa!

Ducky:       Il caffè è caffè…e poi  ho già capito dove vuoi arrivare. Ti leggo nel pensiero. Non so l’ergomento ma tu già fremi. Ottimo caffè….

A disposizione…sono tutto orecchi…di che si tratta?

Enzo:         Tradimenti…infedeltà…

Ducky:       Corna insomma….ti avverto: l’argomento è di una delicatezza enorme…

Enzo:         … ed è aperto a tante interpretazioni, ma credo che riusciremo a fare il punto I lavori impegnativi mi solleticano.

Ducky:       Prego!

Enzo:         Niente maschilismi e  niente femminismi.

Ducky:       Per carità, sono curioso anch’io di sapere.

Enzo:         Bene!  Alcuni anni fa un’idagine condotta dalla Durex…

Ducky:       Che cosa è?

Enzo:         E’ una multinazionale dei preservativi…

Ducky:       Siamo entrati subito in argomento eh!?

Enzo:         Ascolta bene prima di fare lo spiritoso.

Ducky:       Hai ragione, pardon!

Enzo :        …una multinazionale dei contraccettivi spiegava che il 45 per cento dei nostri connazionali dichiara di aver tradito il partner almento una volta nella vita.

Ducky:       Azz…!

Enzo:         Nella topten dei Paesi fedifreghi l’Italia si colloca al terzo posto, a pari merito con la Germania e dopo la Thailandia (51%) e la Danimarca (46%).

Ducky:       Sempre meticoloso sei!

Enzo:         Il dato italiano è confermato da un sondaggio Ifop (Istituto francese di opinione pubblica) commissionato lo scorso anno dal portale di incontri extraconiugale  Gleeden  su scala europea secondo il quale, quanto a tradimenti, la cattolica Italia supera  Paesi come Francia, Gran Bretagna e Spagna.

Ducky:       Però…più o meno come ai Campionati del Mondo.

Enzo:         A queste percentuali elevate corrisponde sempre una doppia morale, tanto che a febbraio 2015…

Ducky:       Che precisone!

Enzo:         le associazioni familiari cattoliche si infuriarono quando lo stesso sito di incontri tappezzò Parigi di manifesti publicitari “inneggiando” all’infedeltà coniugale. Insomma, si fa, ma non si dice. Quantomeno in Italia, al “peccato” non segue un ipocrito rimorso: alla domanda “Ti sei pentito di aver tradito il partner”,  solo il 27% di connazionali intervistati ha risposto sì, contro il  73% di no.  La tendenza al tradimento sembra in aumento. ”L’instabilità coniugale nel nostro Paese è in forte crescita:  il tasso di separazione è più che raddoppiato negli ultimi 20 anni, spiega ad Airone Lorenzo Todesco, docente di sociologia all’Universita’ di Torino.

Ducky:       Siamo dei cornifictori!

Enzo :        Duc, non sciupare questi termini popolari…di piuttosto  infedeli.

 

Ducky:       Insomma, abbiamo la tendenza a…

Enzo:         Certo, è difficile capire se ciò dipende da una maggiore tendenza al tradimento. E’ noto che le principali cause di instabilità coniugale sono:

– la maggiore economia delle donne

– e le aspettative riposte nel matrimonio.

Ducky:       Pigliare uno stipendio dà autonomia e libertà. Sicchè le ciucciottine  sono andate “in rialzo”,  alzando oltre il mento anche la cresta.

Enzo:         Esattamente!  “Questi elementi potrebbero avere un ruolo anche in una maggiore diffusione del tradimento”,, aggiuge il sociologo, “accanto ad alcui mutamenti dei costumi sessuali. Come ha rivelato in francia un’indagine europea dell’Istitut National de la Statistique et des études économiques, 7 donne sposate su 10  – vale a dire il 70%,  cercano scappatelle con uomini più giovani in quanto considerati garanzia di prestazioni migliori.

Ducky:       Le corna si incrementano…poveri noi!

Enzo:         Aspetta a dirlo. Nell’incremento dei tradimenti contano poi le trasformazioni sociali, prima di tutto il ruolo del digitale:  non solo i portali dedicati alle scappatelle, ma anche gli stessi social nework.  Secondo gli studi di Russell Clayton, ricercatore della Florida State University (Usa) pubblicati da Cyberpsychology Behavior, and social Networking,  l’utilizzo  attivo di Twitter e Facebook “porterebbe a una maggiore quantità di conflitti tra i partner, che a sua volta “porterebbe a infedeltà, rottura  e divorzio.

 

Ducky:       Dirò una sciocchezza, secondo me e anche te, la fedeltà è ancora importante.

Enzo:         Non è una domanda sciocca,  ma seria e importante. Mi spiego. La notevole frequenza con cui si tradisce non esclude però che ancora oggi la reazione individualle e sociale verso il tradimento sia sempre negativa;  “Tutte le ricerche effettuate in Italia e in altri Paesi ci dicono che la grande maggioranza degli individui continua a considerare la fedeltà sessuale un elemento imprescindibile per un rapporto di coppia stabile” spiega Todesco. Infatti, secondo dati Pew Research infatti, un buon  64% di Italiani  pensa che l’infedeltà sia moralmente inaccettabile.

Ducky: Concordo naturalmente.

Enzo:         Ma non mancano le autoassoluzioni. “Ad esempio nei casi

in cui si riconosce che il tradimento è un errore in cui si può cadere visto che la carne è debole  o addirittura quando è nei fatti giustificato:  secondo una ricerca Ipsos, per il  63% degli Italiani non c’è nulla di strano nell’amare due persone contemporaneamente, mentre il 43% degli intervistati si aspetta di essere perdonato dal partner – uomo o donna –  qualora ne scopra la scappatella.

Ducky:       E se la la soluzione fosse la coppia aperta?

Enzo:         Una delle più celebri fu quella formata dagli intellettuali e scrittori francesi Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir.  Il modello di coppia proposto dai due modificò il comportamento e la morale in Europa e negli Usa dagli anni ‘50 agli anni ‘70.  Ancora oggi esistono molte coppie che trovano stimoli sessuali “esterni” con il benestare reciproco.  Si tratta di un buon compromesso tra desiderio di fedeltà e tensione al tradimento?

Ducky:       Spiegamelo, sei tu il prof..

Enzo:         In teoria la coppia aperta è una unione molto democratica, paritaria e moderna., ha detto Giuliana Proietti, psicoterapeuta e coautrice di Come vivere bene, anche se in coppia (Franco Angeli) con  Walter La Gatta. “Il problema è che le coppie aperte non durano perché esiste l’innamoramento. In una coppia aperta i partner possono accettare scappatelle sessuali, ma non tollerano relazioni sentimentali.

Certamente la diffusione di coppie di questo tipo è legata anche  all’affermarsi di una sessualità che si propone innanzi tutto il raggiungimento del piacere fisico. Vista però la costante importanza rivestita, nella società, dalla fedeltà sessuale, conclude Todesco, mi sembra difficile che questo modello di coppia posso diffondersi.

Ducky:       Sono d’accordo, Enzo.

Enzo:         Credo che sia anche logico.

Ducky:       Enzo, vorrei farti  tre domande.

Enzo:         Ok.

Ducky:       Perché il “tradito” è chiamato così?

Enzo:         Il gesto con le dita che fanno le corna è uno degli insulti più tipici, e dare a qualcuno del cornuto equivaleva a gettare un marchio d’infamia. Secondo alcuni, potrebbe richiamare il maschio della capra, la cui compagna è nota per la frequenza con cui cambia partner sessuali, mentre  per gli storici il riferimento potrebbe essere per l’imperatore bizantino Andronico Comneno (1120-1185) che rendeva noti i suoi successi amorosi (io direi più sessuali che amorosi) facendo appendere nei luoghi più affollati di Costantinopoli le teste dei cervi che uccideva durante la caccia.

 

Ducky:       Ma non si è certi, mi pare.

O.B Si racconta che lo stesso Andronico fu linciato dalla folla e appeso per un piede alla facciata del suo palazzo, proprio come uno dei suoi macabri trofei, attribuendogli la colpa per la caduta di Salonicco. Ma torniamo ai cornuti…pardon ai tradimenti. Prego prof

Enzo:        ehilà O.B. dove ti sei nascosta?…  Comunque si, nessuna conferma storica.  Certo invece è che i cornuti hanno un santo patrono, San Martinodi Tour, vescovo e confessore e patrono dei soldati e, appunto dei traditi. 

Le motivazioni sono diverse ma la più accreditata è che attorno all’11 novembre, festa in cui ls Chiesa cattolica lo celebra, si svolgevano 12 giorni di feste pagane durante le quali avvenivano spesso adulteri.

O.B           E non c’era la tecnologia

Ducky: Seconda domanda: tradiscono più gli uomini o le donne?

Enzo:         Nella più classica filmografia vi sono moltissime commedie incentrate sull’uomo farfallone che “fa fessa” la moglie ignara, mentre invece sono molto meno i film in cui è la donna a tradire. Eppure questa epoca sembra essere ormai finita. Secondo una nuova tendenza, le donne tradiscono di più rispetto agli uomini.

E’ quanto rileva un sondaggio effettuato in Gran Bretagna dalla UK Survey su 4 mila casi di tradimento. Il risultato del sondaggio vede sorprendentemente le “ciucciottine” battere gli uomini con una media di 2,3 amanti a testa contro solo, 1,8 degli uomini.

Tutto ciò spiazza Lettori  di ogni estrazione sociale – blog compreso – se si pensa che a tutt’oggi si tenda ancora a credere che sia l’uomo quello più propenso al tradimento e che la donna vive ancora sotto l’insegna accesa della perfetta madre di famiglia e moglie fedele.

Qual è la terza domanda, Duc?

Ducky:       Aspetta…io trattengo il fiato. “Perdinci e anche perbacco,”  avrebbe  esclamato  il Principe De Curtis  questo non è “un pezzo” ma una specie di tesi psico-sociologica.

 

Enzo:         Sii serio e dimmi qul è la terza domanda.

 

Ducky:       C’è un giorno  “particolare” per fare le corna?

 

Enzo:         Sorrido e…

 

Ducky:       Davvero!? E perché?

 

Enzo:         Perché sembra una domanda cretina…ma non lo è. Secondo il portale  Ashely Madison, frequentato soprattutto da persone in cerca di scappatelle,  il mercoledì è il giorno in cui si consumano più scappatelle…

 

Ducky:       …si cornifica di più. E come hanno fattoa scoprirlo?

 

Enzo:         E’ bastato chiedere a 172 mila utenti-scappatellisti quale fosse il momento preferito per gli incontri cladestini:  circa 1 su 5 ha risposto di preferire questo giorno,  in particolare tra le 5 e le 7 di sera.  L’orario “post ufficio”   è dovuto al fatto che il lavoro costituisce spesso un alibi per chi cerca un’evasione dalla routine di coppia E con ciò la disquisizione è terminata. Sono le 5 e mezza del pomeriggio, Duc.  Te lo dico con gentilezza:  è l’ora di fare due granite superbe e gelatissime.

Ducky:       Faro’ due granite che quando le gusteremo, ti sembrerà di stare al Polo Nord avendo sulle ginocchia una bloggista esquimese.

 O.B            Anche se ci diciamo peste e corna, il prof non tradirebbe mai la sua blogghista ( con l’acca…) preferita. Duc, tre granite e per me al limone, grazie! Un mio ultimo pensiero riguardo alle giornate delle scappatelle : siamo in estate , ci sono le vacanze il mare ,i tramonti, i cocktail…insomma tradite quando vi pare .

 

Fonte. Airone

Annamaria… a dopo