FINALMENTE DIVORZIATA!

Questa notizia a pochi giorni dal mio divorzio. Io ho subito dal mio ex un divorzio giudiziale, per “punizione”, dopo una separazione consensuale, durante i mesi cruciali del peggioramento di salute di mia madre.. Si! Una vergognosa punizione per non aver rotto i rapporti ,qualche anno fa, con sua sorella ,colpevole a suo dire, di aver mandato via una badante che aveva preso possesso della casa di sua madre, prima e dopo essere deceduta, di lui e di qualche parente ruffiano. Mi domando se provano vergogna per i motivi che loro ben sanno. Non è diffamazione bensì testimonianza perchè chi conosce sa. Ma anche per loro arriverà il momento della sofferenza e forse capiranno cosa significa davvero amare e rispettare. Se non festeggio questo divorzio, liberatorio, è perchè ho ancora troppo dolore per la perdita di mia madre.

E dopo i matrimoni con se stessi ora è la volta di una celebrazione all’addio dall’ex marito.Celebra il divorzio con striscione, maglietta e palloncini
Dopo 7 anni di matrimonio si è liberata dal vincolo: e non ha resistito condividendo la gioia con tutti!Eravamo abituati ai cartelli “Oggi sposi”, ma un “Finalmente divorziata”, almeno io, lo leggo per la prima volta.

Magari lo avranno anche pensato in molte, dopo essersi “liberate” del marito (e viceversa), ma da qui a farci un cartellone stradale è la prima volta che lo vediamo.

Come racconta L’Arena, ad esternare la propria emozione con uno striscione sulla ringhiera di casa è stata una donna di Bovolone, nella bassa veronese. Che per non farsi mancare nulla già nel parcheggio del tribunale ha pure indossato una maglietta fatta stampare ad hoc. E ha messo pure in rete i selfie, che hanno fatto il pieno di click.Suellen, origini brasiliane ma da anni residente in Veneto, fino a giovedì era sposata. Poi è arrivata la decisione del tribunale, e non è riuscita a resistere alla gioia: prima la maglietta celebrativa; poi lo striscione con tanto di palloncini sulla ringhiera di casa.”E adesso si volta pagina”, si è limitata a commentare.

Mi unisco alla gioia di questa donna

.Annamaria… a dopo