I GATTI ROMANI

A proposito di gatti…

Due romani si incontrano:
– Come stai ? –
– Ma sta bbono va’, c’ho certi cazzi per il culo! La gatta m’ha fatto quindici cuccioli: che cazzo ce faccio ? –
– E buttali, no ? –
– Ahò, ma sei n’animale ! Pòre bestie !
– Ma pe’ butta’ volevo di’ de lascialli lontano da casa, che se troveno da magna’ e da vive. Per esempio: tu abbiti a S. Giovanni, li porti ar fosso de la Marana, vicino ar Tennis Club, e hai risòrto ! –
– Pò èsse ‘na bòna idea ! Te faccio sape’ !
Passa un giorno e lo richiama:
– Ahò ! Ma ce credi ? So’ tornati tutti e 15 a casa stamattina! Come cazzo hanno fatto ! –
– E’ n’istinto ! Nun te preoccupa’: portali piu’ lontani, al Quarto Miglio, Via di Tor Carbone, davanti ar centro sportivo !


Passa un giorno e ritelefona all’amico:
– Ahò ! Porca mignotta lurida ‘nfame ! So’ ritornati a casa, a piedi, da sooooliiiii! –
– A mali estremi …. Stamme a senti’: prendi la Via dei Laghi, imbocca Via Spinabella; appena hai passato l’Helio Cabala, prendi il quarto sterrato a destra, fai du’ chilometri e mezzo e becchi le grotte ‘ndo’ se rifugiavano li nonni durante la guerra, precisamente la settima sul primo dislivello a sinistra, entri, fai 400 metri fino a che mòre drento n’anfratto e li lasci li’ e te li levi dar cazzo ! ! Chiaro ? –
– Chiarissimo ! Grazie, sei proprio n’amico, sei !
Passano due giorni e mezzo e lo richiama:
– Allora, com’e’ annàta ?
– Ma l’anima de li mejo mortacci tua ! ! !
Si nun era pe’ li gatti, cor cazzo che tornavo a casa !

Annamaria… a dopo