NON ABBANDONIAMO LA SUORA ALLA TENTAZIONE

 

 

La Cei comunica che la preghiera del Padre Nostro cambia in una parte del testo della nuova edizione del Messale Romano.
Sottoposto alla Santa Sede per i provvedimenti di competenza, andrà in vigore anche la nuova versione del ‘Padre Nostro. <Non indurci in tentazioni> con (‘non abbandonarci alla tentazione’) e l’inizio del ‘Gloria’ <Pace in terra agli uomini di buona volontà> con (‘pace in terra agli uomini amati dal Signore’)”. Ma già da domani si potrà recitare la preghiera nella nuova versione. E in tema di cambiamenti ho preso in prestito una preghiera, anticlericale, di Stefano Benni del 1981, da “Prima o poi l’amore arriva”

AL PADRE NOSTRO
che sei dei nostri
liberaci dal peccato
pagaci l’avvocato

Padre nostro
che sei dei nostri
libera i compagni
tutti i comunisti
non c’indurre in tentazione
paga la cauzione

Amen

Dunque avevo delle certezze come: di a da in con su per tra fra / La nebbia agli irti colli/ e NON CI INDURRE IN TENTAZIONE
Da oggi una viene cancellata. E se stiamo al passo con i tempi, come dice Genio, cambieranno ancora così:

-Salve Regina —> CIAONE REGINA
-Atto di Dolore —>COLPA MIA SCS
-Ave o Maria —> BBELLA MARIA
-Eterno riposo —> ABBIOCCO TOTALE
-Amen —> CHISSENE

La suora senza il biglietto.

Che a utilizzare i tornelli d’uscita sia stata una persona appartenente a una congregazione religiosa fa un pò scalpore…Prima: <non indurla in tentazione>
Ora: “non abbandonarla alla tentazione”

– 10 “Padre Nostro” – per questa sorella furbettina che pochi giorni fa, a Roma, è stata ripresa mentre entrava in metropolitana; senza pagare il biglietto e utilizzando i tornelli d’uscita.

Annamaria… a dopo