NOSTALGIA

NOSTALGIA, desiderio struggente e intenso di una persona o di una cosa.

Enzo Ducky

Ducky:            Enzo, hai ricordi del passato  buoni, piacevoli, ricordi di persone o di una persona in particolare: familiari,  qualche amico in particolare…o un rapporto con una giovincella…di cui hai un tenero e dolce ricordo?

Enzo:              Duc, come la fai lunga: attacchi di nostalgia, parli di ricordi  splendidi!

 

Ducky:            Esattamente!

Enzo:              Me ne ricordo alcuni, specialmente quando ero studente: furono innamoramenti sublimi, intensi  e struggenti. Cominciati bene e…terminati male.

Ducky:            In me se ricordo certi incontri o episodi la tenerezza mi invade ma poi mi prende un senso di amarezza  per l’esito finale.

Enzo:              Quasi come te, ora che ci penso.  Però l’argomento non mi dispiace.

Ducky:            Andiamo nel profondo come piace anche a te?

Enzo:              Niente malinconie.

Ducky:            Ho preparato il fazzoletto… se mi dovesse scendere qualche lacrima.

Enzo:              Ssst, alziamo il sipario e…serietà assoluta.

Ducky:            Eh, non esagerare,  e che dobbiamo recitare Shakespeare.

Enzo:              Duc, basta.  E’ capitato a tutti…

Ducky:            Sicuramente anche a me…!

Enzo:              Duc,  cominci a rompere… sembra strano ma mi vengono in mente le immagini di padelle. Riprendo!  E’ capitato a tutti almeno una volta nella vita: state ascoltando una canzone che era nelle hit l’estate dei nostri 15  anni e che non avete più ascoltato da allora, sentite le note del ritornello e vi prende un tuffo al cuore.  In un attimo tornano alla mente le corse sulla spiaggia e i primi amori. Più ascoltate quella musica, più vi prende un’emozione dolce e amara insieme e al ricordo piacevole di quegli anni passati si mischia una incredibile nostalgia.

Ducky:            Come dici bene le cose…mi  è venuto un nodo alla go…

Enzo:              Insomma, Duc,  la vuoi smettere?

Ducky:            La smetto, scusa!

Enzo:              Il fenomeno è quello della memoria episodica e sono speso alcuni stimoli sensoriali, come quelli uditivi, a evocarla:  “Un brano musicale riporta alla mente ricordi specifici e connessi con determinate emozioni            “.  scrive Laura Casetta, psicologa e psicoterapeuta.

“I ricordi evocati dalla musica sono legati soprattutto alle relazioni sociali e coinvolgono più comunemente eventi della giovinezza.  Di conseguenza la nostalgia è il tipo di risposta emotiva più comune”.

Del resto la stessa parola “nostalgia” deriva dal greco nostos, che indica il ritorno a casa, e  algos  “dolore”:  in pratica indica  “il dolore del ritorno”, cioè della rievocazione della memoria.

Quindi se da una parte viene fuori una sensazione piacevole, contemporaneamente riaffiora il retrogusto  dell’amaro che quel tempo é ormai concluso.   La nostalgia è, quindi,  un’emozione complessa che unisce gioia e dolore…

Ducky:           Come e’ accaduto a te.

Enzo:             Come è capitato anche a te, cioè a noi nel passato e nel presente. Così la nostalgia che proviamo di fronte a un ricordo del passato ci aiuta ad annodare i fili della nostra vita mostrandoci che, anche se siamo persone adulte, possiamo sempre riconoscerci nel bambino che siamo stati e che in qualche misura saremo per sempre.

Ducky:           Ma il presente non deve  condizionarci  e diventare un rimpianto, dico bene?

Enzo:             Bravo! Il punto è fare in modo che la nostalgia non sia un rimpianto malinconico ma si trasformi in opportunità per migliorare il presente e guardare al futuro con fiducia. Un concetto sottolineato anche da Costantine Sedikides dell’Università di Southampton (Regno Unito):  “Le persone nostalgiche sono più forti, perché capaci di rimettere insieme i pezzi del passato  e fare della vita un percorso compatto. Ricordare, e magari anche rimpiangere,  attiverebbe un meccanismo di liberazione che permette di superare traumi e ricordi spiacevoli.  Altro studio condotto da Tim  Wildscht e da colleghi della stessa Università mostrano la medesima conclusione e cioè che la nostalgia ci spinge a vedere il futuro in modo più positivo e ottimista, riportandoci in un momento in cui ci è capitato qualcosa di buono.

 

Ducky:          Il che significa, dimmi se dico bene,  che siamo stati capaci di creare cose positive e di esserne meritevoli.  Eh, che  belle parole, dimmi la verità…non arrivo al tuo stile però ci vado vicino.

 

Enzo:            Lasciamo giudicare ai posteri.

Ducky:           Chi sono questi “posteri” ?

Enzo:             Quelli che verranno dopo…!

Ducky:           E chi sarebbero questi che verranno dopo?

Enzo:             Non sono impiegati delle Poste, vabbè.!?

 

Ducky:           Giuro che  m’informerò.  E prima o poi lo verrò a sapere.

Enzo:             Alterego, smettila, devo continuare. Crogiolarsi nel ricordo  di un passato idealizzato non fa bene: è il lato oscuro e dannoso della nostalgia. Il confine tra nostalgia buona e nostalgia cattiva è nell’intensità, frequenza e durata dell’esperienza nostalgica, afferma Aquilar. Esiste un dosaggio adeguato anche di questo sentimento: un poco di nostalgia ci aiuta, tanta rischia di bloccarci.  Evitiamo quindi  di fissarci su ciò che di bello è finito, traendo  da ciò solo anticipazioni negative sul futuro:  E’ quello che accade alle persone depresse, convinte che quanto di bello è capitato nel passato non possa più ripetersi, aggiunge Manfredi.  Così  dalla nostalgia alla rassegnazione il passo è breve. Stiamo attenti a non idealizzare troppo i ricordi, ma traiamone gli aspetti piacevoli. E’ un processo simile all’esperienza del lutto: quando la persona non c’è più tendiamo a ricordarne solo i lati belli allontanando dalla coscienza gli aspetti che ci hanno fatto soffrire. Così ci autocondanniamo a una vita di tristezza e di rassegnazione.

Ducky:           Averti come Alterego, per me e’ una rassegnazione.

Enzo:             In tutta la Campania specialmente a Napoli, si dice  “Aggie passato ‘ nu guaie…

 

Ducky:           Con chi?

Enzo:             “Cu té”

Airone

           

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*