QUANDO L’AMORE FA MALE



I campanelli d ‘allarme da non sottovalutare

Enzo e Ducky

Ducky: Chi dice donna…

Enzo: Eh, cosa?

Ducky: Ho detto “chi dice donna”…

Enzo: …dice danno. E con questo, cosa vuoi dire?

Ducky: …che quella là si poteva fare i ca…i cavoli suoi nell’Eden.

Enzo: Ah Eva…Le donne sono fatte così: hanno un loro modo di pensare, un loro modo di agire, di affrontare la vita; ragionano a modo loro…

Ducky: …rompono i cosìdetti a modo loro e quando “non amano” sono guai grossi.

Enzo: Il discorso si fa serio e anche complicato. Caro, Ducky la donna non vive più lo stesso ruolo di una volta; lavora, ha più contatti sociali che spesso causano forti contrasti a livello familiare. Tu, gemello caro, non sai esattamente come stanno le cose.

Ducky: Allora dimmele tu che fai tanto il saputello.

Enzo: Tu guardi solo la TV; io invece utilizzo quotidiani, settimanali, libri…insomma consulto siti di cultura…

Ducky: Secondo me ti consulti pure davanti allo specchio dell’armadio o prima di andare a dormire. Ho la sensazione che ti consulti pure se devi andare alla toilette.

Enzo: Spiritoso e …meglio che mi sto zitto. Su, facciamo, anzi trattiamo l’argomento con serietà perché la realtà è fin troppo drammatica.

Ducky: Hai ragione, scusa!

Enzo: Ti do due numeri: 11 e 59.

Ducky: Non credo che me li dai per giocarmeli al lotto…vero?

Enzo: Certo! 11 è il numero di donne vittime di femminicidio nel primo mese del 2018. Lo scorso anno le vittime sono state 72 .

Ducky: …e 59?
Enzo: 59 i casi di femminicidio in cui la donna è stata ammazzata dal proprio partner. Duc, l’amore in una coppia è indispensabile e fa vivere bene. Invece, a volte, l’amore si trasforma in un rapporto faticoso se non deleterio e produce relazioni “malate”. Può capitare in una coppia, in una famiglia e anhe in amicizie consolidate.

1522 E’ IL NUMERO TELEFONICO DI PUBBLICA UTILITA’ GESTITO DA TELEFONO ROSA CHE OFFRE UN SERVIZIO TELEFONICO MULTILINGUE SEMPRE ATTIVO RIVOLTO ALLE VITTIME DI OGNI FORMA DI VIOLENZA

Ducky: Gelosie, litigi, incomprensioni accadono, sono normali cioè il contrasto si appiana. Giusto?

Enzo: Giusto! Ma quando superano certi livelli, vuol dire che siamo di fronte a una patologia.
Viene fuori una situazione malsana di due soggetti:

– un dominato-dipendente
. e un dominante.

La dipendenza in amore e’ anche sinonimo di libertà personale. Il soggetto dipendente (quasi sempre una donna) non si sente libero di esprimere se stesso perché teme conseguenze irreparabili nelle relazione e, pur di conservarla, accetta qualunque compromesso:
un partner che gli/le controlla il cellulare, che lo/la pedina e che pretende una totale adesione alle sue esigenze. Secondo il dott. Nicola Ghezzani, psicoterapeuta, si ha il seguente schema:

DOMINATO
Il soggetto dominato soffre di bassa autostima, cioè non ha una percezione – positiva di se stesso
– cerca un partner che lo o la sottometta
– è attanagliato/a dalla paura del rifiuto da parte del partner prescelto
– il soggetto esige di essere amato indipendentemente dai sentimenti che l’altro prova
– il soggetto si comporta come un camaleonte pur di accondiscendere all’altro.

DOMINANTE
– e’ un abile seduttore
– non nutre alcuna stima dell’altro
– il soggetto si compiace di creare una dipendenza
– si compiace di esercitare un controllo ossessivo sul partner.

Ducky: Che si fa?

Enzo: Stare attenti ai seguenti segnali .

O1 – Ipocrisia: i soggetti “patologici” fingono fedeltà, rispetto e adorazione, ma in verità non provano nulla,

02 – Mentono: raccontano perennemente frottole, mischiano bugie e verità;

03 – Sono arroganti: ignorano i propri errori ma parlano di quelli altrui;

04 – Disprezzano: in modo beffardo; danno frecciate e battute, sminuiscono e ironizzano;

05 – Pretenziosità: pretendono estrema attenzione, ma non la concedono a nessuno;

06 – Instabilità: prima osannano e dopo sparlano sugli altri:

07 – Insofferenti: tendono ad annoiarsi in fretta e desiderano essere elogiati altrimenti si offendono;

08 – Esclusività: tendono a voler essere il fulcro della vita degli altri, emarginando chiunque altro; così fanno piazza pulita di amici, parenti e altri attorno alla loro “vittima”;

09 – Falsità: all’inizio si mostrano umili, poi sfoderano aggressività e intolleranza;

10- Pettegolezzo: sono velenosi e pettegoli e sparlano di chiunque capiti a tiro. Nessuno viene considerato degno di rispetto e di stima.

(da “Questo amore fa male. Come salvarsi dalle relazioni distruttive e tornare a vivere” di Jackson Mackkenzie)

Ducky: L’amore può sparire e far male anche nei rapporti tra genitori e figli? Ma come si capisce che una situazione “familiare” e’ diventata patologica?

Enzo: Ecco quattro casi di situazioni patologiche, secondo la consulenza dello psicoterapeuta e scrittore Nicola Ghezzani.

01 – Genitore che idealizza: in questa situazione il figlio diventa la protesi delle ambizioni del genitore; il figlio deve essere sempre all’altezza delle aspettative. Il figlio diventa così il ricettacolo delle frustazioni personali del genitore e delle sue aspettative andate in fumo.

02 – Genitore narcisista: è il tipo di padre che gioca a calcio con il figlio per dimostrare a se stesso e, naturalmente al figlio e al resto del mondo, quanto è bravo, o di una madre impegnata a vincere il confronto estetico con la figlia. I figli diventano così terribilmente fragili o al contrario arroganti e arrabbiati.

03 – Il genitore ansioso: è il genitore terrorizzato dall’idea che il figlio possa farsi male in senso fisico o psicologico: il padre cercherà di evitargli gli ostacoli per rendergli la vita piana e facilmente percorribile. Un figlio così crescerà con difficoltà.

04 – Genitore “abbandonico”:

Ducky: Paghi e offri tu stasera?!

Enzo: Cosa?

Ducky: Offrirai delle pizze “abbandoniche”, così forse impari a fare a meno delle parole difficili.

Enzo: Mi pento, mi scuso…e mi disobbligo e chiarisco l’aggettivo. Questo padre, nacisista ed egocentrico, è totalmente assente psicologicamente dal figlio, cioè lo abbandona e non se ne cura. Questo genitore instilla sfiducia e insicurezza nei figli, che non si sentirano mai amati e né stimati.

Ducky: Che coppia noi due: noi siamo una coppia “abbandonica” in senso gustativo, nel senso che ci abbandoniamo davanti a una “4 stagioni” con birra o coca-cola. E…prof!

Enzo: Sìii?

Ducky: Abbandonati alla cassa…e facci caso…rassomiglia tanto a OB…che scollatura…guarda… ma non guardare. Anzi, facciamo una cosa, guardiamo tutti e due.!

Enzo: No no prima io!

Ducky: Eh no, io so guardare meglio! Facciamo un’altra cosa: mentre tu paghi… io dò una sbirciatina…”.

Fonte: Airone

O.B Una sbirciatina per te, Enzo e una per il tuo gemello….

 


Vincenzo Liberale

-Annamaria… a dopo